Servizi stipendiali Servizi stipendiali

Trattamento pensionistico e previdenziale

 

In questa sezione si illustrano in dettaglio tutte le attività di NoiPA, in relazione agli aspetti contributivi e previdenziali. E' possibile consultare i 36 regimi previdenziali inerenti la contribuzione prevista dalle norme vigenti a favore degli enti (INPS - gestione ex INPDAP, INPS,INPGI).

Inoltre, l''utente può trovare informazioni relative alla Previdenza complementare (Fondo Espero).
 

 

Casse previdenziali

Previdenza complementare

Conguaglio contributivo

Opera di previdenza TFS/TFR

Versamenti previdenziali

Casse previdenziali

L'iscrizione alle Casse pensioni è obbligatoria per tutti i dipendenti a qualunque titolo assunti, anche se adibiti a servizi di carattere eccezionale o straordinario e anche nel caso in cui l'assunzione sia a tempo determinato o a titolo di supplenza o per attività non istituzionali (art. 4, legge 8 agosto 1991, n. 274).
L'obbligo d'iscrizione, pertanto sussiste, qualunque sia la natura del rapporto di lavoro, anche al fine di provvedere al trattamento di quiescenza in favore dei dipendenti alla data di cessazione dal servizio.
NoiPA gestisce diversi regimi previdenziali inerenti la contribuzione prevista dalle norme vigenti a favore dei seguenti enti:

NoiPA provvede a trattenere le ritenute previdenziali ed assistenziali sui compensi dei dipendenti amministrati e ad effettuare, entro la fine del mese di riferimento, i versamenti di tutte le ritenute gestite centralmente, secondo le modalità concordate con ciascun Ente previdenziale.


NoiPA gestisce, inoltre, l'elaborazione delle denunce contributive mensili ed annuali (DMA, UNIEMENS e 770) che vengono trasmesse dal CED della Direzione dei Sistemi informativi e dell'Innovazione di Latina agli enti deputati entro le scadenze previste.

Con l'Applicazione dell'art. 2, comma 18, della legge 8 agosto 1995, n. 335, a decorrere da gennaio 2014 è stato introdotto il sistema di calcolo del massimale contributivo. Tale provvedimento prevede la rivalutazione annua in base all'indice Istat dei prezzi al consumo, oltre il quale il reddito percepito non è soggetto a contribuzione ai fini pensionistici e del fondo credito. Il massimale opera per tutti i lavoratori privi di anzianità contributiva al 1° gennaio 1996 e per la generalità degli iscritti alle Gestioni Separate INPS e INPGI istituita dopo tale data.
 
Con le circolari n. 20 del 6 febbraio 2014 dell'INPS e n.1 del 15 gennaio 2014 dell'INPGI gli enti previdenziali hanno comunicato che per il 2014 il  massimale annuo della base contributiva e pensionabile è pari a €. 100.123,00.

Torna su

 

Previdenza complementare

Le recenti riforme del sistema previdenziale hanno previsto la possibilità di affiancare alla pensione obbligatoria un nuovo sistema previdenziale attuato mediante i Fondi pensione o forme pensionistiche individuali che hanno il fine di  garantire, al termine dell'attività lavorativa di ciascun iscritto, una pensione complementare a quella obbligatoria.

Nel Sistema NoiPA è possibile gestire:

  • il Fondo Scuola Espero, destinato al personale del comparto scuola,
  • il Fondo Sirio, destinato al personale del Comparto Ministeri,della Presidenza del Consiglio dei Ministri, degli i Enti pubblici non Economici, dell'ENAC, del CNEL e delle Agenzie fiscali. dell'Università, della ricerca e della sperimentazione e  del  CONI
  • Il Fondo Perseo, destinato al personale degli enti territoriali e locali.

Nell'ambito del progetto di innovazione e razionalizzazione dei servizi erogati, da tempo avviato dalla DSII, sono state realizzate le funzionalità in modalità self service presenti sul portale stipendi NoiPA per la gestione dematerializzata dei moduli di adesione ai fondi di previdenza complementare. Infatti, a partire dal mese di aprile 2013, i dipendenti possono visualizzare la documentazione relativa ai fondi e inoltrare la richiesta di adesione in modalità on line, senza recarsi presso gli uffici responsabili del trattamento economico.

Torna su

Conguaglio contributivo

Dalla riforma del 1995 (l.335/1995) anche per i dipendenti statali tutte le somme accessorie sono valutabili ai fini pensionistici e quindi sono assoggettate al contributo del fondo pensione e del fondo credito. Qualora le somme accessorie riscosse nell'anno risultino inferiori al 18% della somma base stipendiale imponibile, occorre in ogni caso assoggettare al contributo fondo pensione e fondo credito, la quota di importo che consente di raggiungere tale quota minima figurativa del 18%.


Questo calcolo viene denominato conguaglio previdenziale ed è necessario in quanto in base alla normativa vigente, nel sistema pensionistico dei pubblici dipendenti l'imponibile pensionistico è come minimo pari all'imponibile base maggiorato del 18%.
Un metodo di calcolo diverso viene adottato per i conguagli contributivi relativi al personale a tempo determinato del Ministero della Pubblica Istruzione. Infatti, sugli emolumenti corrisposti a tale tipologia di dipendenti viene applicata la ritenuta INPS - Gestione ex INPDAP sulle competenze fisse e continuative, già maggiorate del 18%.
Pertanto, il risultato contabile del conguaglio è pari a zero o a credito, in quanto, i suddetti lavoratori non percepiscono somme accessorie, ad eccezione dei benefici economici dei contratti integrativi.

Le operazioni di conguaglio possono riguardare anche il contributo previsto ai sensi della Legge 438/92 art. 3ter, che stabilisce a decorrere dal 1 gennaio 1993, in favore di tutti i regimi pensionistici dei dipendenti pubblici e privati che prevedano aliquote contributive a carico dei lavoratori, inferiori al 10%, un'aliquota aggiuntiva dell'1% sulle quote di retribuzione eccedenti il limite della prima fascia di retribuzione pensionabile (il cosiddetto "tetto") che viene determinato annualmente in base agli Indici ISTAT dei prezzi al consumo per le famiglie di operai ed impiegati.


Tale prelievo aggiuntivo viene versato, per ogni singolo lavoratore, al Fondo Pensionistico al quale il dipendente è obbligatoriamente iscritto.
Il sistema della mensilizzazione del limite della retribuzione può quindi rendere necessario procedere ad operazioni di conguaglio contributivo, a credito o a debito, che vengono effettuate in concomitanza al conguaglio fiscale.

Per procedere alle operazioni di conguaglio, gli uffici liquidatori di somme accessorie, per tutto il personale gestito in NoiPA, devono comunicare entro e non oltre la scadenza del 12 gennaio dell'anno successivo, le somme accessorie liquidate ai dipendenti amministrati al fine di elaborare il conguaglio fiscale, il conguaglio contributivo e rilasciare il modello CUD.

Pertanto NoiPA ha realizzato la funzionalità Accessori fuori sistema (ex procedura Pre1996)all'interno dell'applicativo "cedolino unico" per consentire agli Uffici di servizio di comunicare, come stabilito dal D.L.vo 2 settembre 1997, n. 314, i dati tramite file o segnalazione singola.

Nella sezione specifiche tecniche - Accessori fuori sistema (ex procedura Pre1996), è disponibile il tracciato xls ed xml per la comunicazione delle competenze accessorie Fuori Sistema e il relativo file XSD per la validazione. I dati comunicati verranno raccolti per la successiva elaborazione dei conguagli.

Il sostituto contributivo principale che eroga anche trattamenti accessori segnala direttamente i dati in suo possesso su Gestione Stipendio (ex-SPTWeb).
Eventuali debiti contributivi scaturiti dal conguaglio, vengono recuperati in quattro rate mensili che riducono l'imponibile fiscale, mentre il credito viene rimborsato in unica soluzione e si somma all'imponibile fiscale.

Torna su

 

Opera di previdenza TFS/TFR

Trattamento di Fine Servizio - TFS

Il trattamento di fine servizio (TFS) si distingue in indennità di buonuscita per i dipendenti del comparto Stato e indennità di fine servizio per i dipendenti degli enti locali.

L'indennità di buonuscita è stata regolata dal D.P.R. 29/12/1973 n. 1032.

Ha diritto all'indennità di buonuscita - gestito dall'INPS - Gestione ex INPDAP- il personale civile e militare dello Stato, assunto a tempo indeterminato entro il 31/12/2000, che ha conseguito almeno un anno di iscrizione al fondo. Il personale assunto dopo tale data ha diritto al Trattamento di fine rapporto.

Possono essere riscattati, e quindi considerati utili, i periodi di cui è prevista la computabilità come servizio effettivo ai fini del trattamento di quiescenza dei dipendenti dello Stato, come, per esempio, il servizio militare e la durata legale dei periodi di studio universitari, non sono validi e quindi non valutabili i periodi resi alle dipendenze di privati.

Ai fini della liquidazione del Trattamento di fine Servizio, sulle competenze mensili spettanti al personale della Pubblica Amministrazione, è applicato il contributo per "opera di previdenza"; l'aliquota dell'opera di previdenza è stabilita nel 2,50% sull'80% della retribuzione (pari al 2% sul 100%), per la parte a carico del dipendente e nel 7,10% sull'80% della retribuzione (pari al 5,68% sul 100%) per la quota a carico del datore di lavoro.

Il versamento telematico viene effettuato, entro il mese di corresponsione degli stipendi.

 

Trattamento di Fine Rapporto - TFR

La legge 335/95 e successivi atti normativi (legge 448/98, DPCM 20/12/1999 e DPCM 2/3/2001) hanno disposto in merito al trattamento di fine rapporto (TFR) spettante al personale della Pubblica Amministrazione.

Con le citate disposizioni e con successive circolari dell'INPS - Gestione ex INPDAP, che ne hanno chiarito gli aspetti applicativi, è stato stabilito che il TFR è applicabile:

  • ai lavoratori assunti con contratto a tempo indeterminato successivamente al 1 gennaio 2001
  • ai lavoratori assunti a tempo determinato successivamente al 30 maggio 2000.

I lavoratori che non rientrano nelle succitate situazioni potranno optare per il passaggio al TFR con l'adesione ad un fondo pensionistico complementare.

La base di calcolo del TFR comprende gli emolumenti già valutati ai fini del calcolo dell'indennità di buonuscita. Anche la percentuale complessiva per la determinazione del contributo è uguale a quella per l'indennità di buonuscita e cioè: 9,60% dell'attuale base contributiva per il personale dello Stato; 6,10% dell'attuale base contributiva per il personale degli enti locali.

La differenza nel calcolo contributivo è che per il personale in TFR il contributo del 2,5% a carico del lavoratore viene soppresso e il versamento del 9,60% è a totale carico del datore di lavoro.

L'effetto dell'abolizione del contributo a carico del lavoratore, che avrebbe creato un incremento della retribuzione dei dipendenti soggetti a TFR, è stato di fatto vanificato da una disposizione del DPCM del 20/12/1999 che stabilisce che la retribuzione del personale in TFR sia ridotta di una ritenuta figurativa pari al contributo ex opera previdenza.

Pertanto nella revisione del sistema contributivo interessato al trattamento in questione si è operato nel sistema NoiPA, modificando la ritenuta per opera previdenza nella ritenuta 'op.prev./tfr' che:

  • per le partite in tipo liquidazione: 'TFS' consisterà nella ritenuta e nel versamento del 2,50% a carico del lavoratore e del 7,10% a carico del datore di lavoro
  • per le partite in tipo liquidazione: 'TFR' consisterà nell'abbattimento del 2,50% della base imponibile dello stipendio e nel versamento del 9,60% a carico del datore di lavoro.

 Torna su

Versamenti previdenziali ed assistenziali

NoiPA provvede a gestire i versamenti delle ritenute previdenziali ed assistenziali, trattenuti sui compensi fissi e accessori erogati ai dipendenti amministrati.
I versamenti delle ritenute previdenziali e assistenziali gestite da NoiPA vengono effettuati in modo centralizzato tramite la procedura dei pagamenti telematici dal Centro di Elaborazione dei Servizi per il Sistema Informativo Integrato (C.E.S.S.I.I.) di Latina.
I versamenti telematici sono effettuati entro l'ultimo giorno del mese di pagamento delle retribuzioni, con ordinativi collettivi di pagamento tratti sui pertinenti capitoli di bilancio e vengono accreditati sui sotto indicati conti correnti infruttiferi aperti presso la Tesoreria Centrale.
Le Amministrazioni per le quali è previsto il pagamento telematico possono consultare on line il dettaglio dei pagamenti effettuati da NoiPA per ciascuna tipologia di spesa nell'area servizi disponibili sezione dati della spesa.
Anche gli adempimenti relativi alle denunce contributive (D.M.A., UNIEMENS e modello 770) vengono espletati dal C.E.S.S.I.I. di Latina.

Versamento dei contributi INPS e CPDEL sulle competenze accessorie

I contributi relativi alle somme accessorie vengono liquidati dalle Amministrazioni Centrali di appartenenza, come disposto nella Circolare della Ragioneria Generale dello Stato n. 79 del 1996.
Tuttavia, al fine di dar seguito a quanto disposto nell'art. 44 del D.L. 269/2003, convertito con L. 326/2003, la Direzione dei Sistemi Informativi e dell'Innovazione (DSII) ha chiesto il parere della Ragioneria Generale (IGF e IGOP) per modificare quanto disposto nella suddetta Circolare 79/96, per il personale iscritto ai Fondi Pensione gestiti dall'INPS e quelli CPDEL gestiti dall'INPS - Gestione ex INPDAP.


In particolare, il DSII sulla base delle segnalazioni delle Amministrazioni, provvede direttamente al versamento centralizzato dei contributi previdenziali sulle competenze accessorie liquidate dagli uffici di servizio (compensi per lavoro straordinario, indennità turni, F.U.A. ecc.), al fine di evitare ulteriori adempimenti a carico delle Amministrazioni, per un esiguo numero di dipendenti.
La comunicazione delle somme da versare per contributi su competenze accessorie può avvenire attraverso la funzioni Accessori fuori sistema presente nell'applicativo "cedolino unico".

Di seguito la tabella riepilogativa con il dettaglio di alcuni versamenti gesiti:

 

Ritenuta previdenziale Descrizione ente (indirizzo) Intestazione titolo Numero conto
FONDO PENSIONI INPS - Gestione ex INPDAP Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Uff. IV
Via Ballarin, 42 ROMA
I.N.P.D.A.P. - PENSIONI - CONTRIBUTO DIPENDENTI STATO
da estinguersi mediante accreditamento in conto corrente infruttifero aperto presso la tesoreria centrale
21140
OP. PREV. IIS/TFR Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Uff. IV
Via Ballarin, 42 ROMA
I.N.P.D.A.P. GESTIONE AUTONOMA 'A' - OPERA DI PREVIDENZA/TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO
da estinguersi mediante accreditamento in conto corrente infruttifero aperto presso la tesoreria centrale
20005
FONDO CREDITO INPS - Gestione ex I.N.P.D.A.P.
Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Uff. IV
Via Ballarin, 42 ROMA
I.N.P.D.A.P. GESTIONE AUTONOMA PRESTAZIONI CREDITIZIE
da estinguersi mediante accreditamento in conto corrente infruttifero aperto presso la tesoreria centrale
21039
IRAP REGIONALIZZATO SECONDO LA REGIONE SECONDO LA REGIONE
INADEL INPS - Gestione ex INPDAP
Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Uff. IV
Via Ballarin, 42 ROMA
I.N.P.D.A.P. - EX GESTIONE INADEL
da estinguersi mediante accreditamento in conto corrente infruttifero aperto presso la tesoreria centrale contabilità speciale
20002
ENPDEP INPS - Gestione ex INPDAP
Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Uff. IV
Via Ballarin, 42 ROMA
I.N.P.D.A.P. - FONDO ASSISTENZA ENPDEP
da estinguersi mediante accreditamento in conto corrente infruttifero aperto presso la tesoreria centrale contabilità speciale
20004

CPDEL

INPS - Gestione ex INPDAP
Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Uff. IV
Via Ballarin, 42 ROMA
I.N.P.D.A.P. GESTIONE CASSA PENSIONI DIPENDENTI ENTI LOCALI
da estinguersi mediante accreditamento in conto corrente infruttifero aperto presso la tesoreria centrale contabilità speciale
29821
CPUG INPS - Gestione ex INPDAP
Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Uff. IV
Via Ballarin, 42 ROMA
I.N.P.D.A.P. GESTIONE CASSA PENSIONI UFFICIALI GIUDIZIARI
da estinguersi mediante accreditamento in conto corrente infruttifero aperto presso la tesoreria centrale contabilità speciale
29824
CASSA PENSIONI SANITARI INPS - Gestione ex INPDAP
Direzione Centrale Prestazioni Previdenziali Uff. IV
Via Ballarin, 42 ROMA
I.N.P.D.A.P. - CASSA PENSIONI SANITARI
da estinguersi mediante accreditamento in conto corrente infruttifero aperto presso la tesoreria centrale contabilità speciale
29822
FONDO PENSIONI INPS INPS - Gestione ex INPDAP
Direzione Centrale Finanza, Contabilità e Bilancio
Via Chopin, 49 ROMA
I.N.P.S.
da estinguersi mediante commutazione in quietanza di entrata della contabilità speciale
1248
INA Inps
Direzione Centrale Finanza, Contabilità e Bilancio
Via Chopin, 49 ROMA
I.N.P.S. - CASSA INA
da estinguersi mediante commutazione in quietanza di entrata della contabilità speciale
1248
DISOCCUPAZIONE Inps
Direzione Provinciale di Roma
Via Amba Aradam, 5 ROMA
I.N.P.S. - DISOCCUPAZIONE
da estinguersi mediante commutazione in quietanza di entrata della contabilità speciale
1248
FONDO DAZIERI Inps
Direzione Centrale Finanza, Contabilità e Bilancio
Via Chopin, 49 ROMA
I.N.P.S.
da estinguersi mediante commutazione in quietanza di entrata della contabilità speciale
1248
FONDO PENSIONI FERROVIE Inps
Direzione Provinciale di Roma
Via Amba Aradam, 5 ROMA
I.N.P.S. - PERSONALE EX F.S.
da estinguersi mediante commutazione in quietanza di entrata della contabilità speciale
1248

 

Torna su