Salta al contenuto della pagina
Per recuperare la password di accesso al portale NoiPA (reset password) è necessario cliccare il pulsante "ENTRA" (in alto a destra della home page) e successivamente, nella maschera di accesso, selezionare il link "Recupero password". L'utente dovrà quindi: 
 - inserire il proprio codice fiscale e il captcha visualizzato 
 - inserire la risposta alla domanda segreta (comunicata al sistema al momento della prima registrazione al portale con la procedura di Primo accesso). 
Il Sistema inoltrerà un'e-mail all'indirizzo di posta dell'utente.
Selezionando il link presente nell'e-mail ricevuta, l'utente sarà reindirizzato sul portale NoiPA dove dovrà confermare l'indirizzo e-mail inserendo nuovamente il proprio codice fiscale. Il sistema invierà una nuova e-mail contenente la password provvisoria necessaria per completare la procedura di recupero della password. 
L'utente dovrà selezionare il link presente in questa ultima e-mail e verrà automaticamente reindirizzato su una pagina nella quale dovrà compilare i seguenti campi: 
- password: in questo campo l'utente inserirà la password provvisoria inviata dal sistema 
- nuova password: in questo campo l'utente digiterà la nuova password prescelta  
- confermare la nuova password.
La procedura di recupero password va a buon fine solo se l'indirizzo e-mail è valido e già registrato sul sistema.
In caso di smarrimento della password e di indirizzo mail non più attivo o irraggiungibile, l'amministrato dovrà richiedere la variazione dell'indirizzo di posta elettronica direttamente al Responsabile dell'Identificazione Dipendente (RID) del proprio ufficio.
Il dipendente,dopo aver verificato, in base alla composizione del nucleo familiare e al reddito complessivo, il diritto a percepire l'assegno al nucleo familiare, può presentare la richiesta dell'ANF con decorrenza al 1° luglio di ogni anno, utilizzando il modello "Richiesta assegno al nucleo familiare (Dipendente)", disponibile sul portale NoiPA al percorso "Home pubblica -> Documentazione -> Modulistica -> Persone".
La domanda per la richiesta dell'ANF può essere presentata:
 - per il personale appartenente agli uffici  periferici dello Stato, alla Ragioneria territoriale dello Stato (RTS), di persona o posta elettronica, oppure al proprio Ufficio di servizio per il successivo inoltro alla RTS;
 - per il personale delle amministrazioni centrali statali o di Enti, all'Ufficio della propria Amministrazione o Ente che gestisce il trattamento economico dei dipendenti; 
 - per i supplenti previ e saltuari, esclusivamente alla scuola titolare del rapporto di lavoro. Se l'amministrato ha contratti su più scuole il modello va consegnato a ciascun istituto con il quale si ha un contratto.
 
Anche nel caso in cui non ci siano variazioni di reddito e/o di nucleo familiare, è comunque necessario effettuare una nuova comunicazione per la rideterminazione degli ANF.
I cedolini presenti sul Portale NoiPA sono quelli riferiti agli ultimi quindici mesi.
E' possibile richiedere i cedolini non visualizzabili sul portale NoiPA inviando all'indirizzo di posta certificata dcsii.dag@pec.mef.gov.it esplicita richiesta indicando nome, cognome e allegando alla richiesta copia di un documento di identità valido e del codice fiscale.
Nel caso la richiesta sia eseguita da un professionista abilitato (CAF o altro) sarà necessario aggiungere in allegato una delega firmata dell'interessato.

Normalmente l'assegno viene corrisposto nell'anno in cui si è presentata la richiesta a partire dalla rata di luglio, fino alla rata di giugno del successivo anno.

Per ricevere il PIN è necessario rivolgersi al Responsabile dell'Identificazione del Dipendente (RID) presso la propria sede di lavoro.
La ricezione del PIN avviene, durante la procedura di primo accesso al portale, tramite e-mail all'indirizzo di posta elettronica indicato e convalidato.

Per recuperare la password di accesso al portale NoiPA (reset password), in caso di dimenticanza della risposta alla "domanda segreta", l'utente deve rivolegersi al servizio di assistenza, compilando la webform raggiungibile dalla voce "Assistenza" della home page del portale NoiPA e allegando copia di un documento identificativo in corso di validità. L'assistenza provvederà all'attivazione di un reset amministrativo della password. Una volta che l'utente avrà effettuato l'autenticazione al portale NoiPA potrà modificare la domanda e la risposta segreta attraverso la funzione "Modifica dati personali" nella scheda "Domanda segreta", selezionabile nel menu a tendina che si ottiene cliccando la freccia posta a fianco dell'icona riportante il nome dell'amministrato.

L'amministrato può modificare l'indirizzo e-mail associato alla propria utenza utilizzando la funzione "Modifica dati personali", selezionabile nel menu a tendina raggiungibile cliccando la freccia posta a fianco dell'icona riportante il nome dell'amministrato, nell'Area riservata del portale NoiPA.
La scheda "Modifica recapiti" permette di modificare l'indirizzo e-mail e il numero di telefono cellulare, dati che devono risultare univoci, cioè non utilizzati da alcun altro utente NoiPA.
Per modificare il proprio indirizzo e-mail: inserire un nuovo indirizzo e-mail e confermarlo negli appositi spazi ("Nuovo indirizzo e-mail" e "Conferma indirizzo e-mail"); cliccare sul pulsante "Salva"; inserire il PIN Identificativo; confermare l'operazione effettuando la CHIAMATA DI SICUREZZA, entro due minuti  al numero indicato dalla procedura, utilizzando il numero di cellulare registrato nel portale. Al termine l'avvenuta modifica sarà confermata da una pagina di riepilogo.
NoiPA invia un messaggio di posta elettronica al nuovo indirizzo e-mail per la verifica dell'indirizzo inserito; è necessario fare click sul link "Conferma email".
Nel caso in cui all'interno della scheda "Modifica recapiti" il numero di cellulare risulti assente, è necessario procedere con la modifica dell'indirizzo e-mail e con l'inserimento e la verifica del numero di telefono cellulare. 

Affinchè l'indirizzo di posta elettronica fornito sia accettato dal sistema NoiPA è necessario che sia univoco nell'ambito del sistema stesso, cioè che non sia comune con altri utenti. Pertanto è possibile inserire il proprio indirizzo di posta elettronica istituzionale (ad es. nome.cognome@tesoro.it) o un indirizzo di posta elettronica personale (ad es. nome.cognome@mail.com) ma non l'indirizzo di posta elettronica del proprio ufficio (ad es. nomeufficio@tesoro.it) qualora sia stato utilizzato da altri utenti.

Per accedere la prima volta alla propria area privata, è necessario che il sistema NoiPA conosca l'indirizzo e-mail dell'utente. L'indirizzo e-mail viene comunicato al sistema da parte dell'Amministrazione di appartenenza al momento dell'inserimento del dipendente nell'anagrafica, insieme, eventualmente, ad un numero di telefono cellulare. 
 
Nel caso in cui l'utente non abbia comunicato l'indirizzo di posta elettronica deve rivolgersi al RID del proprio ufficio di servizio e comunicare il proprio indirizzo e-mail ed eventualmente il numero di cellulare.
 
In entrambe i casi il sistema invierà una prima mail, contenente un link per la convalida dell'indirizzo e-mail. Cliccando sul link l'utente accederà ad una pagina dove dovrà inserire il codice fiscale. A questo punto il sistema invierà una seconda mail contenente la password provvisoria ed un link alla pagina nella quale modificarla. 
 
Inserita la nuova password anche nel campo di "Conferma Nuova Password" l'utente può salvare i dati inseriti cliccando sul tasto "Invia". Al termine della procedura il sistema fornisce il messaggio con il quale viene comunicata la corretta esecuzione del cambio password e il link per accedere al portale.
 
Cliccando sull'apposito link, viene mostrata la maschera per l'autenticazione al portale NoiPA. Dopo aver inserito le credenziali, il sistema mostra la pagina di benvenuto con la quale l'utente potrà confermare i propri dati in pochi semplici passi.

Assicurati di aver richiesto il preventivo ad una compagnia assicurativa convenzionata. Gli unici Codici Contratto validi per NoiPAssicura sono quelli ottenuti tramite il self service NoiPAssicura, cliccando su "Convenzioni RCA" e accedendo ai link disponibili nella colonna "Richiedi Preventivo". In questo modo le compagnie assicurative potranno riconoscerti come utente NoiPA.

Non esiste nessun codice sconto NoiPA. Tramite il self service NoiPAssicura è possibile accedere ai siti delle assicurazione e richiedere dei preventivi esclusivi. Al termine della procedura presso il sito della compagnia otterrai un codice del preventivo (Codice Contratto) di lunghezza compresa tra 5 e 20 caratteri, che inizia per "W" e che dovrà essere inserito nell'area "Delegazione di pagamento RCA" all'interno di NoiPAssicura.

Nella tua area privata NoiPA, tra i Self Service disponibili, trovi NoiPAssicura. Clicca su NoiPAssicura per accedere al servizio. Clicca sul pulsante "Convenzioni RCA" e trovi l'elenco delle Assicurazioni convenzionate con NoiPA. Consulta le convenzioni disponibili. Clicca sui link disponibili nella colonna "Richiedi Preventivo" per richiedere preventivi online presso una o più assicurazioni. Questi link ti portano direttamente al sito web delle compagnie assicurative, dove potrai completare la richiesta di preventivo. Al termine della procedura presso il sito della compagnia otterrai un codice del preventivo (Codice Contratto) di lunghezza compresa tra 5 e 20 caratteri, che inizia per "W".
Torna sul self service NoiPA, clicca su "Delegazione di pagamento RCA". Inserisci il Codice Contratto e clicca su "Verifica preventivo".
Le successive schermate ti permettono di verificare e accettare i dati del contratto e della delegazione di pagamento, scegliere un'iscrizione (rapporto di lavoro) su cui addebitare la delegazione di pagamento, di verificare e accettare l'informativa sul trattamento dei dati personali e quindi la delegazione di pagamento. Nel caso di accesso con nome utente e password, ricorda di tenere a portata di mano il tuo PIN Identificativo per completare la richiesta.
Per la creazione di una nuova timbratura basterà cliccare sul tasto Nuovo, all'interno della maschera proposta dal percorso Ripresa -> Timbrature -> Gestione Timbrature, alla cui pressione verrà aggiunta una
ulteriore riga sotto l'ultima timbratura, in cui vanno indicati i campi obbligatori:
 
- Data, nel formato gg/mm/aaaa es. 01/12/2013;
- Ora, nel formato hh:mm;
- Verso;
- Causale (campo eventuale non obbligatorio per l'inserimento di una causali di timbratura)
 
Per confermare l'operazione bisognerà cliccare sul tasto conferma della schermata di gestione.
Per rilevare, in maniera automatica, semiautomatica e/o manuale, le timbrature di ogni singolo lavoratore, alle quali può essere associato il riconoscimento di specifici istituti contrattuali ad personam nell'ambito della prestazione oraria lavorativa, occorre svolgere i passi operativi seguenti attraverso il sistema NoiPA Sanità dal percorso Ripresa -> Timbrature -> Gestione Timbrature:
 
- Ricerca Persona;
- Visualizzazione Timbrature;
- Modifica Timbrature;
- Modifica Timbrature da Cartellino Interattivo.
Nella maschera di gestione di Iscrizione Individuale (Giuridico -> Iscrizioni -> Iscrizione individuale), dopo aver effettuato la Selezione Anagrafica, sarà necessario premere tasto Nuovo.
Successivamente nella maschera sarà necessario inserire:
 
- Tipo Iscrizione con codice SIND sindacato
- La data inizio validità
- Iscrizione alla sigla sindacale ( es: C.G.I.L.).
 
Ad avvenuto inserimento sarà necessario premere il tasto Conferma per salvare i dati.
Successivamente sarà possibile inserire la causale di assenza per il permesso sindacale sul cartellino interattivo del dipendente.
Per rilevare, in maniera automatica, semiautomatica e/o manuale, i periodi di assenza (per la cui fruizione non è necessario un atto deliberativo) di ogni singolo lavoratore, attraverso il sistema NoiPA Sanità, occorre svolgere i passi operativi seguenti dal percorso Ripresa -> Presenze/Assenze -> Autorizzazione Assenze:
 
- Ricerca Persona;
- Visualizzazione Assenza;
- Inserimento Assenza;
- Modifica Assenza;
- Eliminazione Assenza;
- Gestione Assenza da Cartellino Interattivo.
Per abilitare al lavoratore le causali assenze e le causali timbrature, di cui può usufruire in relazione a sue specifiche caratteristiche che trovano corrispondenza in determinati istituti contrattuali, occorre, attraverso il sistema NoiPA Sanità dal percorso Human Resource centralizzato -> Causali -> Abilitazione causali/raggruppamenti individuali, svolgere i passi operativi seguenti:
 
-Ricerca Persona;
- Verifica Assegnazione Causali Presenza Individuali;
- Assegnazione Causali Presenza Individuali;
- Verifica Assegnazione Causali Presenza Individuali;
- Assegnazione Causali Presenza Individuali.
Al fine di aggiornare e storicizzare, per ciascun amministrato, gli importi delle voci base legate alla qualifica determinati a partire dalla tipologia del rapporto di lavoro, è necessario eseguire l'elaborazione inserendo i criteri di selezione utili alla selezione degli amministrati.
Le selezioni da utilizzare per la funzione sono le seguenti:
 
- Periodo da esaminare - Indica il periodo, intervallo temporale, per il quale si vuole effettuare il calcolo;
- Filtri di selezione - E' possibile effettuare delle selezioni totali o parziali utilizzando appositi filtri con la lista valori (bottoncino blu a destra di ogni filtro) o digitando direttamente i valori (è attiva la ricerca con caratteri speciali ).
Infine selezionare il pulsante `Elabora' per effettuare l'elaborazione.
Di seguito vengono elencate tutte le elaborazioni necessarie al calcolo del cedolino mensile. alla produzione dei report per le verifiche dell'elaborazione (es. verifiche e riepiloghi economici, stampa netti cedolini) ed infine alla produzione di tutti i flussi di output del processo (es. flusso per la contabilità generale ed analitica, stampa dei cedolini, etc.).
Per la gestione dell'evento attraverso il sistema NoiPA Sanità l'utente ha a disposizione il menù Contabilità personale dipendente -> Area calcolo di prova in cui poter effettuare le attività seguenti:
 
- Definizione dati per calcolo stipendi
- Generazione dati riduzione stipendi
- Calcolo stipendi
- Riepilogo ed export mensili
- Stampa Allegato cedolini
- Riepilogo ed export mensile per integrazione contabile
- Stampa Cedolino PDF
- Conferma Dati
Al fine di elaborare il cedolino mensile occorre, a seguito dell'accesso alla maschera "Calcolo stipendi" dal percorso Contabilità personale dipendente -> Area calcolo di prova -> Attività di elaborazione -> Calcolo stipendi, inserire i seguenti criteri di selezione, utili alla scelta degli amministrati per i quali si vuole procedere al calcolo delle voci di cedolino.
 
Le selezioni da utilizzare per la funzione sono le seguenti:
 
- Codice (matricola)
- Ruolo
- Livello
- Qualifica
- Tipo Dipendente
- Tipo Rapporto
- Sede di Servizio
- Stati attività
Infine selezionare il pulsante `Elabora' per effettuare l'elaborazione.
Sulla maschera sono, invece, già presenti le informazioni (campi non editabili) relative al mese oggetto di elaborazione e al tipo di cedolino da produrre. Tali informazioni vengono infatti acquisite di default dalle impostazioni inserite e memorizzate nella maschera di "Definizione dati per calcolo stipendi".
Dall'applicativo "Gestione Stipendi", attraverso il seguente percorso, l'operatore accede alla funzione "Part-Time": Aggiornamento partite -> Competenze Fisse -> Stipendi -> Variazioni -> Orario -> Part-Time. La funzione permette la gestione del part-time sia orizzontale che verticale, in particolare:
 
- per ogni periodo di part-time che si vuole segnalare è richiesta la decorrenza, la scadenza e la percentuale di lavoro svolto, che prevede l'indicazione di tre cifre intere e due cifre decimali,
- può essere segnalata la percentuale di lavoro svolto del 100% per ripristinare il trattamento intero,
- in caso di part-time verticale, per i periodi per i quali non spetta la retribuzione va segnalata la percentuale dello 0%.
 
E' necessario accedere alla funzione "Detrazione lavoro dipendente" dell'applicativo Gestione Stipendi, attraverso il percorso: Aggiornamento partite -> Competenze Fisse -> Stipendi -> Variazioni -> Detrazioni-Ass. Nucleo -> Detrazione lavoro dipendente
In questa sezione è possibile modificare le informazioni standard per il calcolo delle detrazioni da lavoro dipendente, ad esempio, è possibile forzare il reddito presunto sul quale vengono calcolate le detrazioni.
Per inserire un nuovo assegno o cessare un assegno in pagamento è necessario utilizzare la funzione "Assegni" dell'applicativo Gestione Stipendio, utilizzando il percorso: Aggiornamento partite -> Competenze Fisse ->  Stipendi -> Variazioni -> Ruoli di variazione ->  Assegni.
Notare che per variare un assegno già in pagamento, è necessario provvedere prima alla cessazione e poi all'inserimento dei dati aggiornati. 
Le Ritenute extra-erariali sono le somme trattenute al lavoratore per essere versate a vari Enti Creditori (Associazioni Sindacali, INPDAP per concessioni di piccolo prestito o cessione del quinto, premi assicurativi, Contributi per Riscatti del servizio, Ricongiunzioni Legge 29/79 etc.).
In particolare le tipologie di ritenute extraerariali gestibili attraverso il sistema sono:
 
- Debiti vari (es. ritenute sindacali)
- Prestiti (es. cessioni, ritenute onerose)
- Ritenute di categoria (es. ONAOSI)
- Recupero e rimborso agli enti 
- FIP(Fondo Integrativo Previdenziale)
 
Per la gestione delle ritenute extraerariali è necessario accedere all'applicativo "Gestione stipendio", utilizzando il percorso: Aggiornamento partite -> Competenze Fisse -> Stipendi -> Variazioni -> Ritenute extraerariali.
 
Come si inseriscono sul sistema le ritenute relative a:
 
- "Debiti vari" La funzione permette di inserire i debiti, siano essi trattenute a importo fisso che a percentuale (p.e. ritenute sindacali) e consente l'inserimento e la cancellazione delle ritenute extraerariali che gravano sulla partita di spesa fissa.
La logica di inserimento/modifica/cancellazione della schermata coincide con quella delle ritenute.
- "Recupero rimborsi agli enti".  La funzione consente l'inserimento e la cancellazione per una partita di importi di rimborso o recupero ad un ente creditore per tardiva o errata comunicazione.
- "Prestiti". La funzione Prestiti permette di comunicare le ritenute relative ai prestiti, differenziandole per tipologia:
a) Onerose (per tipo ritenuta onerosa è necessario inserire anche i dati del contratto)
b) Cessioni
 
Si è possibile effettuare la variazione del Codice Fiscale, attraverso l'applicativo Gestione Anagrafica con la funzione VARIAZIONE DATI - CODICE FISCALE, fruibile tramite il percorso Gestione Anagrafica -> Ricerca Utenti -> Lista Utenti -> Dettaglio Persona Fisica -> Variazione dati - Codice Fiscale.
L'operatore cliccando sul pulsante del codice fiscale attiva la procedura automatica di verifica del codice fiscale presente a sistema attraverso un collegamento con l'anagrafe tributaria dell'Agenzia delle Entrate. 
A questo punto se il Codice Fiscale inserito era valido ma ha subito una variazione, l'operatore avrà la possibilità di inserire, tramite un apposito campo, il nuovo codice fiscale dell'amministrato, che sarà nuovamente sottoposto al controllo dell'Agenzia delle Entrate.
In questo caso possono verificarsi due situazione diverse qualora il codice fiscale inserito trovi corrispondenza nell'anagrafe tributaria:
 
- Se i dati anagrafici correnti corrispondono con quelli restituiti dall'Agenzia delle Entrate o se i dati anagrafici sono diversi ma risultano variati al massimo due dati anagrafici e uno di questi è il sesso, l'operatore avrà in visualizzazione sia i nuovi che i vecchi dati anagrafici e potrà confermare l'aggiornamento attraverso il pulsante "Salva".
- Se risultano variati due dati anagrafici, uno dei quali non è il sesso oppure risultano variati più di due dati anagrafici nella pagina appare il messaggio "Operazione non consentita: i dati variati non consentono la variazione del codice fiscale. Contattare l'assistenza" . L'operatore dovrà richiedere all'assistenza la  variazione con un intervento da Centro.
 
Diversamente se la verifica del Codice Fiscale con l'anagrafe tributaria non ha esito positivo, quindi il Codice Fiscale risulta non valido, il sistema non permette la variazione tramite apposito campo e occorre, per effettuare la variazione, rivolgersi all'assistenza NoiPA.
Per inserire un nuovo amministrato in "Gestione anagrafica" occorre accertarsi che il nuovo dipendente non sia già presente in banca dati; In tal caso sarà possibile inserire dal menù "Nuova Anagrafica" i dati relativi alla persona fisica, la residenza, opzionalmente il domicilio e gli eventuali rapporti familiari dell'amministrato.
 
Dopo aver acquisito i dati anagrafici della persona fisica, il caricamento di un nuovo rapporto di lavoro avviene attraverso l'inserimento delle seguenti informazioni:
 
- Dati anagrafici del rapporto di lavoro: l'Ente/Amministrazione per la quale presta servizio l'amministrato, il motivo assunzione, il tipo rapporto di lavoro (a tempo determinato o a tempo indeterminato),  il tipo attività (full time o part time inserendo l'eventuale percentuale di part-time e l'e-mail istituzionale)
- Dati dell'inquadramento giuridico/economico: la decorrenza giuridica, la decorrenza economica, il comparto di riferimento, il contratto, l'eventuale scadenza, la qualifica contrattuale, il profilo professionale (se previsto), il  livello, gli Scatti, la Classe
- Dati della struttura organizzativa: l'ufficio di assegnazione dell'amministrato e il livello della struttura organizzativa di assegnazione (i livelli sono proposti dal sistema in modalità gerarchica), la sede di lavoro, la decorrenza, l'eventuale scadenza.
Il modulo "Gestione anagrafica" costituisce il "modulo base" comune alle componenti  "servizi stipendiali"  e "servizi di gestione presenze/assenze". Il modulo consente di gestire:
  
- l'immatricolazione del dipendente e la consultazione e variazione delle informazioni anagrafiche relative al dipendente e ai suoi familiari;
- l'inserimento, consultazione e variazione dei dati relativi ai rapporti di lavoro del dipendente;
- la prima attivazione dei pagamenti, comprensiva dell'acquisizione di assegni e della modalità di pagamento. 
 
Per approfondimenti si rimanda al Manuale disponibile nella sezione dell'area riservata del portale accessibile attraverso il percorso: "Home page privata -> Operatore -> Strumenti di lavoro -> Gestione -> Gestione anagrafica" cliccando l'icona con il punto interrogativo. 

Per modificare la residenza fiscale del personale amministrato gli Operatori possono utilizzare l'applicativo Gestione anagrafica al percorso "Dettaglio Persona Fisica -> Variazione dati -> Indirizzi". ù

L'Amministrato può comunque procedere direttamente e in autonomia alla variazione della propria residenza, utilizzando  il servizio self service  per la variazione della residenza fiscale, disponibile nell'area riservata del portale NoiPA al percorso "Home -> Amministrato -> Self service -> Stipendiale -> Residenza fiscale e/o domicilio".

L'Amministrazione può scegliere diverse modalità di comunicazione delle competenze accessorie dei propri amministrati al sistema NoiPA:
 
- Gestione ad Elenchi: l'Amministrazione inserisce online l'elenco dei beneficiari e le relative competenze accessorie, esegue la procedura di calcolo della spesa, richiede la convalida dell'elenco al proprio Responsabile, che autorizza l'elenco
- Gestione da file Locale: l'Amministrazione predispone fuori sistema un file in formato xml o excel e lo trasmette a NoiPA. E' una modalità alternativa alla Gestione ad elenchi. Per i tracciati e le istruzioni si rimanda alle pagine di dettaglio presenti sul portale, raggiungibili dal seguente percorso: "Home -> Amministrazioni -> Gestione accessoria e variabile"
 - Gestione da file Centrale (competenze accessorie precaricate da sistemi : consente di ricercare e lavorare i flussi di dati provenienti dai sistemi HR - es:Time Management nel caso di SOLUZIONE AVANZATA).  
Attraverso l'applicativo "Gestione accessorie" il sistema permette:
 
la comunicazione ed autorizzazione dei compensi accessori da liquidare
- la segnalazione dei compensi accessori liquidati direttamente dall'amministrazione ai soli fini del conguaglio fiscale e contributivo (accessorie fuori sistema)
- la consultazione e la gestione della rubrica degli amministrati
- la gestione dell'esclusione dal modello "Certificazione Unica" di alcune voci di accessori liquidate per il dipendente
- la gestione dell'assegnazione ai dipendenti dei centri di costo.
 
Il trattamento stipendiale dei Volontari dei Vigili del Fuoco è interamente gestito attraverso la funzione "Compensi vari", accessibile dall'applicativo  "Gestione Accessoria". Con riferimento agli accordi definiti con il Ministero dell'Interno, con il termine "compensi vari", in questo caso, si fa riferimento agli emolumenti spettanti ai volontari dei Vigli del Fuoco. Attraverso tale funzione è infatti possibile effettuare la comunicazione e la successiva liquidazione delle retribuzioni spettanti a tale tipologia di amministrati.
 
Nello specifico la funzione Compensi vari comprende le seguenti funzionalità:
 
- Gestione ad elenchi, per la comunicazione on-line dei dati dei compensi vari 
- Gestione da file, per la gestione dei compensi vari comunicati tramite file. 
 
La voce Gestione ad elenchi consente all'operatore di:
 
- creare un nuovo elenco per comunicare compensi vari;
- effettuare ricerche per visualizzare lo stato di lavorazione degli elenchi prodotti dall'ufficio a cui appartiene l'utente connesso; 
- accedere in visualizzazione al dettaglio degli elenchi;
- gestire il flusso di lavorazione degli elenchi prodotti dall'ufficio a cui appartiene l'utente connesso.
 
Le funzioni sono ad uso esclusivo dei comandi provinciali dei vigili del fuoco e forniscono agli uffici un'interfaccia ed una modalità di acquisizione già nota ed ampiamente utilizzata per la gestione dei compensi accessori.
 
Per il calcolo del reddito del nucleo familiare si deve considerare l'ammontare complessivo dei
singoli redditi di tutti i membri del nucleo, quali:
 
- redditi da lavoro dipendente e assimilati assoggettati ad Irpef
- redditi a tassazione separata (emolumenti arretrati)
 - redditi da fabbricati (al lordo di eventuale deduzione per abitazione principale)
- redditi di lavoro autonomo, di impresa, di partecipazione e di capitale
- altri redditi assoggettati a ritenuta d'imposta alla fonte (ad es. le prestazioni occasionali), o ad imposta sostitutiva (ad es. interessi su depositi o titoli) solo se superiori a euro 1.032,91.
 
Non sono considerati redditi:
 
- l'assegno al nucleo familiare
- le indennità di buonuscita ed altri trattamenti di fine rapporto
- le somme aventi natura risarcitoria come le rendite infortunistiche erogate da INAIL
le pensioni di guerra e le indennità di accompagnamento.
 
L'assegno non spetta se la somma dei redditi da lavoro dipendente e assimilati è inferiore al 70% del reddito complessivo del nucleo familiare: questo significa che il reddito complessivo del nucleo familiare deve derivare, per almeno il 70%, dai redditi di lavoro dipendente.
Ai fini del diritto all'assegno, il nucleo familiare può essere composto da:
 
- richiedente titolare dell'assegno;
- coniuge del richiedente con esclusione di quello legalmente ed effettivamente separato;
- figli di età inferiore ai 18 anni, o senza limiti di età qualora si trovino a causa di infermità fisica o mentale nell'assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi a proficuo lavoro;
- nipoti minori in linea retta a carico del dichiarante;
- fratelli, sorelle e nipoti collaterali minori del richiedente, orfani di entrambi i genitori, oppure senza limiti di età se permanentemente inabili al lavoro.
 
La Finanziaria per il 2007 (Legge 27 dicembre 2006 n.296) ha introdotto novità anche in merito alla composizione del nucleo familiare, con decorrenza dal 01 gennaio 2007.
L'art.1, comma 11, lett. d, ha stabilito che nel caso di nuclei familiari con più di tre figli o equiparati, di età inferiore a 26 anni compiuti, ai fini della determinazione dell'assegno è consentita l'inclusione dei figli di età superiore a 18 anni e inferiore a 21 anni purché studenti o apprendisti.
Le motivazioni di una mancata ricezione possono essere le seguenti: 
1) la casella e-mail dell'utente dispone di spazio disponibile insufficiente a ricevere posta elettronica; 
2) il server di posta del gestore identifica erroneamente come SPAM il mittente no-reply.NoiPA@tesoro.it;
3) l'indirizzo mail fornito al sistema è errato.
In caso di indirizzo mail errato bisogna chiedere la variazione dell'indirizzo di posta elettronica al Responsabile dell'Identificazione Dipendente (RID) della propria Amministrazione, fornendo il nuovo indirizzo di posta elettronica.
Effettuata la modifica della password, cliccando il pulsante "ENTRA" presente nella home page pubblica del portale NoiPA e digitando il Codice Fiscale e password l'utente potrà accedere all'area riservata del portale.
Per visualizzare i cedolini dello stipendio è necessario entrare nell'area riservata del portale NoiPA e nel menù Amministrato, presente sulla parte sinistra dell'home page privata, cliccare su "Archivio Cedolini" nella sezione "Documenti disponibili".
Entrati nella pagina "Archivio Cedolini" sarà possibile visualizzare, stampare o salvare i cedolini sul proprio PC. Per aprire il cedolino, in formato pdf è necessario che sul PC sia installato Acrobat Reader.
Si ricorda che i cedolini di stipendio sono pubblicati sul portale con tempi che possono essere differenti per provincia/comparto. La disponibilità degli stessi è comunque assicurata, per le emissioni ordinarie, entro il 23 del mese di riferimento, mentre è assicurata entro il 27 del mese di riferimento per gli amministrati del comparto Sanità.

I cedolini dello stipendio sono pubblicati sul portale con tempi che possono essere differenti per provincia / comparto. La disponibilità degli stessi è comunque assicurata, per le emissioni ordinarie, entro il 23 del mese di riferimento mentre è assicurata entro il 27 del mese di riferimento per gli amministrati del comparto Sanità.

Per recuperare CUD, modelli di Cerificazione Unica e 730 non più presenti nell'Area Riservata del Portale NoiPA, è necessario rivolgersi all'Ufficio responsabile che gestisce la partita di stipendio dell'utente, o nel caso di utenti del comparto Sanità è necessario rivolgersi all'Ufficio del trattamento economico dell'Azienda sanitaria.

Durante il periodo di emissione della rata mensile degli stipendi (dal giorno di chiusura, consultabile sul calendario eventi nell'area riservata del portale NoiPA, fino alla conclusione delle operazioni) le linee rimangono chiuse e, pertanto, non è possibile operare negli applicativi "Gestione accessorie" e "Gestione stipendi".

Durante il periodo di emissione della rata mensile degli stipendi (dal giorno di chiusura consultabile sul calendario eventi all'interno dell'Area riservata del portale NoiPA fino alla conclusione delle operazioni) le linee rimangono chiuse e, pertanto, non è possibile operare negli applicativi "Gestione accessorie" e "Gestione stipendi".

Il sistema segnalerà, in caso di omessa timbratura, l'errore:"TIMBIRR2" e non permetterà il conteggio delle ore per quel giorno sul cartellino.

Qualora la timbratura inserita abbia il medesimo verso di una timbratura già presente per quel giorno sul cartellino, il sistema segnalerà l'errore: "TIMBIRR1" e non permetterà il conteggio delle ore per quel giorno sul cartellino.

Dal menù specifico Cartellino Interattivo, dove aver selezionato la matricola ed indicato il mese e l'anno di cui si vogliono gestire le timbrature, bisognerà cliccare sul tasto visualizza, affinché appaia una maschera di gestione delle timbrature.
Per poter effettuare la modifica di una singola timbratura basterà cliccare sulla stessa, che permetterà di visualizzare una maschera di modifica rapida come, nella quale è possibile intervenire agevolmente su verso, data, causale.
Se invece si volessero modificare più timbrature di una giornata bisognerà cliccare sulla scritta "timbrature". A questo punto verrà visualizzata una maschera identica a quella presente in "Gestione Timbrature", con la differenza che da questa è possibile eseguire modifiche solo per timbrature riguardanti il giorno cliccato, quello precedente e quello successivo.
Dopo aver effettuato la selezione anagrafica dal menù specifico Gestione Timbrature è possibile eseguire molteplici operazioni sulle timbrature di un periodo ben definito, il quale deve essere obbligatoriamente indicato nei campi gialli della maschera proposta. Una volta selezionati tutti i filtri desiderati è possibile vedere i risultati cliccando sullo specifico tasto Ricerca, il quale ci mostrerà come risultato una griglia con tutte le timbrature presenti.
Dopo aver ricercato una o più timbrature attraverso la maschera risultato è possibile modificare le timbrature presenti, con la possibilità di variarne ora, data, verso, causale.
E' inoltre possibile eliminare alcune timbrature, basterà selezionarle spuntandole e cliccando sul cestino presente in basso a sinistra. È importante ricordare che dopo la modifica o l'inserimento di una o più timbrature sarà necessario premere il tasto Conferma.

L'aggiornamento e l'attribuzione della corretta retribuzione contrattuale a seguito di modifiche normative o di inquadramento (ad esempio in caso di rinnovi contrattuali, passaggi di categorie o fasce, attribuzione di incarichi ecc) ad un amministrato, può essere svolta, all'interno del sistema NoiPA, attraverso dal percorso Contabilità personale dipendente -> Dati individuali - Utilità -> Aggiornamento retribuzione contrattuale.

Dal menù specifico Cartellino Interattivo (Ripresa -> Cartellino Interattivo / Scheda Riepilogativa -> Cartellino Interattivo), dove aver selezionato la matricola ed indicato il mese e l'anno di cui si vogliono gestire le timbrature, bisognerà cliccare sul tasto visualizza, affinché appaia una maschera che permette la gestione delle timbrature attraverso Cartellino Interattivo.
Le operazioni che potranno essere svolte da Cartellino Interattivo saranno:
1. Inserimento assenza
2. Modifica assenza
3. Eliminazione assenza
Nel caso di cartellino non calcolato (viene indicato immediatamente sopra mese e anno) bisognerà cliccare sull'apposito tasto Calcola al fine di far calcolare i giorni del mese con i relativi conteggi.
In fase d'inserimento dell'assenza sarà necessario posizionare il mouse nella sezione apposita e premere il tasto sinistro. Successivamente si aprirà la maschera di Gestione Assenze.
E' possibile associare al dipendente una nuova assenza, dal menù specifico Autorizzazione Assenze,attraverso il pulsante nuovo.
All'interno della maschera proposta è possibile definirne il codice, la descrizione e la data inizio validità.
All'interno della schermata Gestione Assenze sarà possibile inserire le varie opzioni disponibili.
Attraverso la maschera risultato Gestione Assenze è possibile modificare le assenze presenti e le relative specifiche. Per procedere alla modifica di un' assenza basterà sovrascrivere oppure cancellare il codice della causale e premere il tasto Conferma.
Dopo aver effettuato la selezione anagrafica, dal menù specifico Autorizzazione Assenze è possibile eseguire molteplici operazioni sulle assenze.
Dalla maschera fornita è possibile filtrare ulteriormente la ricerca attraverso i campi proposti: Causale, Aggregazione Causali Assenza, Tipo di Richiesta, Data inizio Validità, Data fine Validità, ID certificato e Stato della richiesta.
Una volta selezionati tutti i filtri desiderati è possibile vedere i risultati cliccando sullo specifico tasto Ricerca, il quale ci mostrerà come risultato delle righe con tutte le assenze presenti.
Dopo aver ricercato una o più assenze attraverso la maschera risultato
Gestione Assenze è possibile eliminare un'assenza presente e le relative specifiche attraverso il tasto elimina.
All'interno della schermata di abilitazione (Human Resource centralizzato -> Causali -> Abilitazione raggruppamenti individuali), attraverso il tasto Nuovo, sarà possibile abilitare il raggruppamento di presenza selezionandone uno tra quelle disponibili, il menu di scelta apparirà dopo aver cliccato sull'apposita freccia.
Ogni assegnazione ha una storicità, perciò laddove si voglia inserire una nuova associazione da una certa data in poi, basterà crearla inserendo la nuova data ed un automatismo penserà a cessare la vecchia assegnazione al giorno precedente.
All'interno della schermata di abilitazione (Human Resource centralizzato -> Causali -> Abilitazione causali individuali), attraverso il tasto Nuovo, sarà possibile abilitare la causale di assenza selezionandola tra quelle disponibili, il menu di scelta apparirà dopo aver cliccato sull'apposita freccia.
Nel caso in cui la causale da abilitare abbia una competenza per "familiare" allora il campo familiare sarà obbligatorio e potrà essere selezionato tra quelli disponibili.
Tra gli altri campi possibili vi sono la data inizio e fine validità del profilo corrente, un campo note e, se abilitata e gestita, la possibilità di inserire il riferimento dell'atto.
Qualora sia già presente una causale individuale accertarsi che la data inizio validità della nuova causale sia diversa rispetto a quella esistente altrimenti il sistema genererà il seguente errore: "Conflitto nel periodo di validità".
Per verificare che il soggetto non abbia attualmente nessuna causale individuale abilitata bisogna, dai menù Abilitazione causali individuali/Abilitazione raggruppamenti individuali, cliccare sul bottone Ricerca. Nel caso in cui il soggetto non abbia alcuna causale abilitata ci verrà mostrato il risultato della ricerca ed il pulsante "Nuovo", utile per assegnare una nuova causale.
Qualora sia già presente una causale individuale accertarsi che la data inizio validità della nuova causale sia diversa rispetto a quella esistente altrimenti il sistema genererà il seguente errore: "Conflitto nel periodo di validità".

Attraverso il menù Contabilità personale dipendente -> Area calcolo di prova -> Attività di elaborazione ->Gestione Dati riduzione stipendi è possibile visualizzare e gestire le riduzioni stipendiali calcolate precedentemente. Dopo aver effettuato la ricerca dell'amministrato si accede alla maschera "Gestione dati riduzioni stipendi" laddove sarà possibile visualizzare, cancellare e modificare le riduzioni.

Per calcolare le riduzioni stipendiali di un amministrato nel mese di riferimento in presenza di periodi con retribuzione ridotta (es. aspettativa non retribuita o con retribuzione parziale, assunzione nel mese, cessazione del rapporto di lavoro nel mese) è necessario selezionare gli amministrati cliccando il tasto `Nuova selezione', e impostando nella maschera standard di selezione, l'ordinamento, gli eventuali filtri desiderati o selezionando una o più matricole. Con il tasto `Conferma Selezione' si conferma la selezione, successivamente con il tasto `Elabora' si provvede alla elaborazione. Questi passaggi possono essere svolti attraverso il menù Contabilità personale dipendente -> Area calcolo di prova -> Attività di elaborazione -> Genera Dati riduzione stipendi.

E' possibile variare un dato anagrafico di un dipendente avente rapporto di lavoro attivo, che non comporta alcuna variazione del codice fiscale, attraverso l'applicativo Gestione Anagrafica con la funzione VARIAZIONE DATI - CODICE FISCALE, fruibile tramite il percorso Gestione Anagrafica -> Ricerca Utenti -> Lista Utenti -> Dettaglio Persona Fisica -> Variazione dati - Codice Fiscale. Una volta cliccato sul pulsante del codice fiscale, il sistema, collegandosi all'Agenzia dell'Entrate, aggiornerà automaticamente i dati che risultano incongruenti rispetto a quelli dell'Anagrafe Tributaria; i dati variati verranno evidenziati in rosso. Non sarà quindi richiesto di salvare la variazione poiché salvata in automatico.

No, gli utenti, mediante autenticazione, accedono alla tipologia di servizi per i quali sono abilitati.

No, attualmente non esistono APP per l'accesso facilitato al portale NoiPA.
Il MEF - DAG non ha mai realizzato né rilasciato APP per dispositivi mobili, relative ai servizi forniti dal portale NoiPA.
Pertanto tutte le applicazioni disponibili in rete o distribuite presso market online (es. Google Market, Apple App Store) non sono autorizzate e, dunque, si invitano, tutti gli utenti del portale NoiPA, a NON FORNIRE dati personali e credenziali di accesso al portale ad applicazioni non ufficiali.
L'eventuale futura disponibilità di un'applicazione ufficiale sarà adeguatamente pubblicizzata attraverso gli usuali canali di comunicazione.
Per accedere all'applicativo "Gestione Stipendi" è necessario accedere all'area riservata del portale NoiPA, tramite il pulsante "ENTRA" presente in alto a destra dell'home page pubblica del portale, fornendo le proprie credenziali di accesso (codice fiscale e password) oppure utilizzando la CNS (smart card). Gli utenti delle aministrazioni che hanno aderito all'autenticazione per identità federata accedono al sistema NoiPA tramite i propri portali attraverso identità federata.
Entrati nell'area riservata, sarà possibile accedere, attraverso il menu presente sulla sinistra dell'homepage, all'applicazione "Gestione Stipendi" seguendo il percorso "Operatore -> Strumenti di lavoro -> Gestione -> Gestione Stipendi". Nel caso in cui si intenda accedere alle funzionalità di aggiornamento/convalida, l'accesso è consentito soltanto utilizzando la smart card e fornendo il relativo PIN . Ad esempio dopo aver selezionato la funzione "Aggiornamento partite", il sistema chiede infatti di inserire il PIN della Smart Card per effettuare le operazioni di modifica dei dati presenti all'interno della banca dati.
L'inserimento del PIN viene chiesto una sola volta. Il sistema chiede di inserire di nuovo il PIN solo se si è effettuato il logout.

Per richiedere modifiche, tra le quali la disabilitazione di una specifica utenza, è necessario rivolgersi al Responsabile del Modello Operativo (RMO) dell'amministrazione di appartenenza che, attraverso le funzioni disponibili sull'applicativo "Gestione Accessorie", procederà alla modifica dell'utenza segnalata.

No, gli utenti, mediante autenticazione, accedono alla tipologia di servizi per i quali sono abilitati.

Il pagamento dei compensi accessori viene effettuato nel rispetto del calendario delle lavorazioni mensili pubblicate sul Portale NoiPA.
La comunicazione delle competenze accessorie può essere effettuata in qualsiasi momento; affinché gli importi siano liquidati in una determinata mensilità, il processo di comunicazione, approvazione ed eventuale autorizzazione del pagamento da parte dell'organo di controllo, deve concludersi entro la data stabilita per la chiusura della mensilità, indicata nel calendario degli eventi presente nell'Area privata del portale NoiPA.

Attraverso Gestione accessoria è possibile comunicare competenze accessorie anche per il personale che presta servizio presso la propria Amministrazione ma appartenente ad altra Amministrazione o al personale che presta servizio presso la propria Amministrazione ma proveniente da Enti non gestiti da NoiPA. In quest'ultimo caso sarà necessario inserire in NoiPA i dati anagrafici, fiscali e previdenziali dell'interessato utilizzando la Gestione Anagrafica, attivando i pagamenti per le sole competenze accessorie o in alternativa funzione "Rubrica amministrati".

E' possibile liquidare compensi accessori sia al personale gestito in NoiPA (anche se appartenente ad altra istituzione scolastica) aggiungendolo all'elenco mediante il tasto "Aggiungi beneficiario all'elenco", sia al personale non gestito in NoiPA inserendolo prima nella "Rubrica amministrati".

Per effettuare la variazione delle modalità di pagamento è possibile utilizzare l'applicativo "Gestione stipendi", tramite la funzione "Modalità di Pagamento" raggiungibile dal percorso "Aggiornamento partite -> Competenze Fisse  -> Stipendi -> Variazioni -> Varie -> Modalità di Pagamento", o l'applicativo "Gestione accessorie", tramite la funzione "Rubrica amministrati".

Si, l'applicativo "Gestione accessorie" permette l'esportazione, in formato excel, dei dati registrati attraverso il pulsante "esporta" presente nell'ambito di ogni elenco.

L'applicativo "Gestione accessorie" consente la liquidazione anche dei compensi accessori per il personale cessato. Basterà inserire i nominativi nell'elenco in lavorazione con il pulsante "Aggiungi beneficiario". Si precisa inoltre che per i cessati dal servizio, in presenza di tutte le informazioni necessarie per effettuare l'ordinazione, NoiPA provvederà ad emettere un cedolino di sole competenze accessorie.

Si. Da un'apposita area FTP, raggiungibile cliccando il pulsante Login presente sul portale NoiPA al percorso "Home -> Amministrazioni -> Amministrazioni centrali ed Enti locali -> Strumenti per operatori -> Cartelle Ftp", le Amministrazioni servite da NoiPA possono accedere alle specifiche cartelle dove sono depositati file dati relativi al personale amministrato.
L'accesso alle cartelle FTP può essere effettuato anche inserendo nel campo di ricerca del menu di Avvio di Windows il seguente indirizzo:
ftp://codiceutenza:password@ftp-spt.tesoro.it/codiceutenza
sostituendo, nell'indirizzo, "codiceutenza" con l'effettiva utenza assegnata (CFXXXXXXXXXXX) e successivamente inserendo la password quando verrà richiesta.

Il piano di riparto può essere rimodulato, tramite successivi decreti di riparto, anche nel corso dell'anno, con integrazioni e/o spostamenti di somme, a cura della Direzione Generale del Bilancio del MIUR e la somma utile ai pagamenti delle competenze accessorie sarà pari, per ciascuna Istituzione e per ogni anno finanziario, alla disponibilità relativa al medesimo anno, maggiorata delle eventuali somme non utilizzate e relative alla gestione effettuata tramite lo stesso Gestione Accessoria in tutti gli anni pregressi.

Attraverso l'applicativo "Gestione presenze" è consentita la gestione delle varie tipologie di rapporti part time tramite la definizione di opportuni profili orari; la componente prevede il riproporzionamento manuale/automatico delle spettanze del dipendente.

Per effettuare  la consultazione attraverso l'area pubblica del portale NoiPA, accedendo alla sezione "Dati della spesa".
Il servizio permette di consultare i dati relativi alla spesa sia sulla base dell'elaborazione dei flussi mensili consegnati alle Amministrazioni che provvedono direttamente al pagamento degli stipendi, sia quelli effettuati con procedura telematica.
Per consultare i dati occorre selezionare l'Amministrazione di interesse, il capitolo di bilancio di riferimento, l'anno ed il mese dell'emissione dei pagamenti.
La funzione Compensi Vari per la liquidazione dei supplenti brevi, online dal 1 gennaio 2013 nell'ambito dell'applicazione "Gestione accessoria", è stata inibita, per i nuovi contratti, a partire dal 1 settembre 2015. E' stato reso possibile l'utilizzo, in via residuale, fino al 31 dicembre 2015, per la segnalazione di contratti precedenti al 1 settembre 2015. Nel nuovo processo completamente informatizzato,gli operatori della scuola effettueranno la stipula dei contratti, le variazioni di stato giuridico e l'autorizzazione ai pagamenti direttamente attraverso le funzioni del SIDI.NoiPA elaborerà i dati, effettuerà il calcolo delle competenze spettanti e verificate le disponibilità finanziarie produrra il cedolino e liquiderà le competenze mensili.
La nuova procedura per trattamento stipendiale dei Supplenti Brevi è gestita come segue:
La scuola inserisce i contratti e le variazioni di stato giuridico da SIDI, NoiPA sulla base dei dati ricevuti effettua il calcolo delle competenze spettanti e le restituisce al SIDI.
Il DSGA e il DS, esaminata la congruità dei dati, richiedono sul SIDI l'autorizzazione al pagamento.
NoiPA inoltra richiesta di verifica delle disponibilità finanziarie al Sistema "Spese della Ragioneria".
Il sistema Spese della Ragioneria restituisce l'esito del controllo di capienza.
Se c'è disponibilità finanziaria, l'esito è positivo; NoiPA elabora il cedolino e liquida le competenze stipendiali.
Se le disponibilità del POS sono esaurite, l'esito è negativo; in automatico verrà inviata immediata comunicazione al MIUR che metterà in atto le opportune azioni per assegnare nuove disponibilità finanziarie.
L'elaborazione dei cedolini ripartirà, dal contratto con data di decorrenza anteriore, non appena verranno assegnate nuove dotazioni finanziarie dall'Ufficio Centrale di Bilancio (UCB) del MIUR.
Sul portale sarà sempre disponibile il calendario delle lavorazioni con le date di elaborazione del cedolino mensile. I dati variabili mensili devono essere registrati dall'Ente attraverso il portale del sistema MEF entro la data di chiusura della rata per avere effetto sul cedolino in elaborazione (ricostruzioni di carriera, applicazione ritenute per prestiti, pignoramenti... ).
Si precisa che variazioni di rilevanza generale (es. applicazione CCNL, rivalutazione assegno al nucleo familiare) sono effettuate automaticamente dal Sistema NoiPA.
Sul portale sarà sempre disponibile il calendario delle lavorazioni con le date di elaborazione del cedolino mensile. I dati variabili mensili devono essere registrati dall'Ente attraverso il portale del sistema MEF entro la data di chiusura della rata per avere effetto sul cedolino in elaborazione (ricostruzioni di carriera, applicazione ritenute per prestiti, pignoramenti...).
Si precisa che variazioni di rilevanza generale (es. applicazione CCNL, rivalutazione assegno al nucleo familiare) sono effettuate automaticamente dal Sistema NoiPA.

Le motivazioni di una mancata ricezione possono essere le seguenti: 

1) la casella e-mail dell'utente dispone di spazio disponibile insufficiente a ricevere posta elettronica; 

2) il server di posta del gestore identifica erroneamente come SPAM il mittente no-reply.NoiPA@tesoro.it;

3) l'operazione di identificazione non è stata conclusa correttamente

4) l'indirizzo mail fornito al sistema è errato

Per farsi inviare nuovamente il PIN sarà necessario rivolgersi al Responsabile dell'Identificazione del Dipendente (RID).

In caso di indirizzo mail errato o non più valido l'amministrato può modificare l'indirizzo e-mail associato alla sua utenza in 2 modi:

1) Se ha già effettuato il primo accesso al portale: utilizzando la funzione "Modifica dati personali", selezionabile nel menu a tendina che si ottiene cliccando la freccia posta a fianco dell'icona riportante il nome dell'amministrato. La funzione è attiva sul portale NoiPA solo dopo aver effettuato l'autenticazione.

2) Se non ha ancora effettuato il primo accesso o nel caso in cui non ricordi la password di accesso al portale: si dovrà rivolgere  al Responsabile dell'Identificazione Dipendente (RID) della propria Amministrazione, fornendo il nuovo indirizzo di posta elettronica.

I requisiti minimi delle postazioni per l'accesso al Sistema del MEF sono:

- Risoluzione Video Ottimizzata per 1024 X 768

- Sistemi Operativi Microsoft: Windows XP Professional SP3 (32bit) e Windows 7 Professional/Ultimate SP1 (32bit);

- Browser: Internet Explorer ver. 7 e 8.

Inoltre:

- Su Sistemi Operativi a 64 bit, dove sono presenti browser a 32 e 64 bit (IE 7-8), nel caso di postazioni di lavoro che svolgono compiti per cui è necessaria l'autenticazione "forte" (con SmartCard CNS), è necessario utilizzare il browser a 32 bit.

- Le SmartCard, utilizzate per autenticazione "forte", devono essere dotate di certificato x.509 (Standard della carta nazionale dei servizi).

- Per la visualizzazione dei PDF si consiglia "Adobe Acrobat Reader" dalla versione 7 alle successive.

- Per il software Java si consiglia l'uso di "Java Virtual Machine" dalla versione 1.7.

- Relativamente alla banda minima richiesta per la fruibilità dell'applicazione si consiglia un parametro di riferimento pari ad almeno 256 Kb/s.

- Si precisa inoltre che non è necessaria la modifica di badges e attrezzatura di rilevazione: viene richiesto, nel caso della soluzione avanzata, che i dati memorizzati dai marca-tempo siano inviati in un formato prestabilito in modo da permetterne l'elaborazione.

- Gli strumenti per la fruizione di contenuti erogati dal portale del Sistema offerto sono scaricabili dal portale stesso (e.g. pdf reader, word viewer, excel viewer, winzip, ecc.).

 

Per poter visualizzare i modelli disponibili è opportuno  che sulla postazione sia installata la versione 7.0 o superiore di Acrobat Reader. Il software è scaricabile dalla sezione Utilità del portale NoiPA, situata in basso nella pagina del portale. 

Il modello di Certificazione Unica, i modelli CUD e il 730 sono disponibili sul Portale NoiPA per 5 anni. 

Sì. Per il corretto funzionamento del sistema è necessario che sul computer in uso siano installati (quale requisiti minimi) il sistema operativo Windows XP oppure Windows Vista oppure Windows 7 oppure MacOS 1.5.8+ e la componente Java ver. 1.7 (Oracle Java Development Kit). Qualora sul computer non sia presente la componente Java (nella versione sopra riportata), la procedura provvederà ad installarla in automatico. Nel caso però in cui, l'utente non sia "Amministratore di sistema", tale operazione potrebbe non andare a buon fine segnalando un apposito messaggio di errore da riportare al proprio Amministratore di Sistema per gli adempimenti necessari.

Tutte le informazioni sull'utilizzo nonché sulle caratteristiche della Smart Card sono consultabili sul portale NoiPA attraverso il seguente percorso: Home -> Strumenti -> CNS.

E' sufficiente qualsiasi browser (pc, tablet, smartphone, etc). Qualora si dovessero presentare problemi nella fruizione del portale si consiglia di installare un altro browser. 

Per la fruizione di alcuni contenuti erogati dal portale sono inoltre necessari specifici strumenti (e.g. pdf reader, word viewer, excel viewer, winzip, ecc.). 

Gli utenti della scuola accedono al sistema NoiPA tramite il portale SIDI attraverso identità federata; le credenziali di accesso al sistema sono uniche per operare nei diversi applicativi NoiPA. L'autenticazione è garantita dai sistemi di sicurezza del MIUR. NoiPA, riconosce tramite il sistema di identità federata il ruolo assegnato ad ogni singolo utente e pertanto le abilitazioni consentite. Si invita comunque alla consultazione della "Guida alle nuove modalità di accesso per gli operatori del sistema NoiPA" presente sul Portale NoiPA, che riporta le modalità di accesso anche per gli Operatori MIUR. Se l'accesso alle "Applicazioni MEF" non avviene si dovrà trasmettere la propria richiesta al SERVICE DESK (sdesk@istruzione.it) TEL. 800-903080.

 

Si può accedere agli strumenti di lavoro degli operatori fornendo al sistema, direttamente dal portale NoiPA cliccando il pulsante "ENTRA", il proprio codice fiscale e la propria password oppure utilizzando la Carta Nazionale dei Servizi (smart-card).

Gli operatori delle aministrazioni che hanno aderito all'autenticazione per identità federata accedono al sistema NoiPA tramite i propri portali attraverso identità federata.

Le motivazioni di una mancata ricezione possono essere le seguenti: 

1) la casella e-mail dell'utente dispone di spazio disponibile insufficiente a ricevere posta elettronica;

2) il server di posta del gestore identifica erroneamente come SPAM il mittente no-reply.NoiPA@tesoro.it; 

3) l'operazione di identificazione non è stata conclusa correttamente

4) l'indirizzo mail fornito al sistema è errato.

Per risolvere la problematica occorre verificare che l'operazione di identificazione sia stata effettuata correttamente e che l'inserimento dell'indirizzo e-mail sia andato a buon fine. Se a sistema l'indirizzo email non risulta presente occorre procedere all'inserimento. Se è stato inserito erroneamente occorre variarlo presentando la richiesta di variazione dell'indirizzo di posta elettronica al Responsabile dell'Identificazione Dipendente (RID) della propria Amministrazione, fornendo il nuovo indirizzo di posta elettronica.

Le motivazioni di una mancata ricezione possono essere le seguenti: 

1) la casella e-mail dell'utente dispone di spazio disponibile insufficiente a ricevere posta elettronica;

2) il server di posta del gestore identifica erroneamente come SPAM il mittente no-reply.NoiPA@tesoro.it; 

3) l'operazione di identificazione non è stata conclusa correttamente

4) l'indirizzo mail fornito al sistema è errato

In caso di indirizzo errato ci si dovrà rivolgere  al Responsabile dell'Identificazione Dipendente (RID) della propria Amministrazione, fornendo il nuovo indirizzo di posta elettronica.

 

Una volta che l'utente avrà effettuato l'autenticazione al portale NoiPA, potrà modificare la propria password di accesso al portale attraverso la funzione "Modifica Password", selezionabile nel menu a tendina che si ottiene cliccando la freccia posta a fianco dell'icona riportante il nome dell'amministrato.

La finestra di autenticazione non riuscita appare ogni volta che viene digitato in modo non corretta la password, ad esempio non rispettando le maiuscole o le minuscole inserite. Verificare il corretto inserimento dei dati.

Il blocco dell'account al portale si attiva quando viene digitata per 5 volte consecutive in modo errato la password. Il blocco si disattiva automaticamente dopo un'ora dall'ultimo tentativo errato. Successivamente è possibile ritentare l'accesso accertandosi di digitare in maniera corretta i dati personali (codice fiscale e password scelta, rispettando le maiuscole o le minuscole inserite).  

La CNS e altre smart card possono contenere due certificati (uno di autenticazione e uno di firma).

Per l'accesso al portale bisogna sempre utilizzare il certificato di autenticazione e il relativo PIN che è stato comunicato alla consegna.

Si consiglia di verificare la documentazione ricevuta insieme alla smart card.

Per ottenere una utenza da operatore non essendo amministrato del sistema NoiPA, è necessario rivolgersi al responsabile dele utenze della propria amminsitrazione che provvederà a inviare la richiesta a NoiPA. Una volta elaborata la richiesta il sistema invierà una mail di conferma contenente la password provvisoria ed il link per modificarla. Attraverso tale link, l'operatore visualizza la maschera predisposta per inserire la nuova password. 

Cliccando il pulsante "ENTRA" presente nella home page pubblica del portale NoiPA, l'utente avrà la possibilità di inserire le proprie credenziali (il Codice Fiscale e la Password) attraverso la schermata proposta dal sistema ed accedere così nell'area riservata. 

Si ricorda che l'utente dovrà, durante la procedura di primo accesso al portale, convalidare il proprio indirizzo mail e modificare la password che gli è stata inviata.

L'utente che ha già convalidato l'indirizzo di posta elettronica e modificato la password ricevuta per il primo accesso, per accedere nell'area riservata del portale con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS) dovrà, dopo aver cliccato il pulsante "ENTRA", presente in alto a destra nell'home page pubblica, selezionare il link "Accedi con la tua CNS" nella maschera che il sistema propone. L'utente potrà così procedere all'autenticazione tramite la CNS inserendo la carta nel lettore di smart card, scegliendo l'eventuale certificato utente da una lista (solo se presente più di un certificato valido) e inserendo, nell'apposita maschera, il codice PIN della carta. 

 

Il blocco dell'accesso al portale si attiva quando viene digitata per 5 volte consecutive, in modo non corretto, la password di accesso. Il blocco si disattiva automaticamente dopo un'ora dall'ultimo tentativo errato. Successivamente è possibile ritentare l'accesso accertandosi di digitare in maniera corretta i dati personali (codice fiscale e password scelta) rispettando, per la password, le lettere maiuscole o minuscole che la compongono.

Per conoscere lo stato di avanzamento effettivo della pratica, è necessario rivolgersi all'INPS, che ha in carico la lavorazione. Si fa presente che, mediamente, il tempo di durata dell'iter per l'erogazione del Piccolo Prestito è compreso tra i 45 giorni ed i 60 giorni.

Nel caso in cui un ente non voglia attivare i servizi self-service deve farne richiesta all'Ufficio IV della DSII - MEF. Non sarà possibile disattivare i servizi per singoli utenti, ma la modifica verrà applicata all'intera struttura.

Per ricevere nuovamente il PIN sarà necessario rivolgersi al Responsabile dell'Identificazione del Dipendente (RID) presso la propria sede di lavoro.

La restituzione della somma ricevuta in prestito avviene con applicazione automatica della ritenuta mensile sullo stipendio, in base al piano di ammortamento definito.

Nel caso si stia utilizzando la funzione Self Service del portale NoiPA per comunicare le detrazioni per familiari a carico, per far comparire l'opzione "Disabile si/no" e la percentuale a carico, è necessario premere il tasto "Carica dati obbligatorio figlio" dopo aver scelto "figlio" dal menu' a tendina della voce "Grado di parentela".

Il report del cartellino mensile visualizza la situazione mensile del dipendente suddivisa in due sezioni logiche.

La prima sezione riporta i dati relativi alla quadratura delle singole giornate:

- Timbrature;

- Ore teoriche; 

- Eccedenza (somma delle eccedenze della singola giornata);

- Debito (somma delle assenze recuperabili della singola giornata);

- Saldo (somma algebrica dei PIU' (eccedenze a recupero) e dei MENO (assenze recuperabili) del  mese che si sta visualizzando nel cartellino);

- Bp (Buoni pasto);

- Tu (Turno);

- Al (Altre indennità sulla giornata);

- Assenze;

- An (Anomalie).

La seconda sezione riporta i dati relativi all'ottenimento mensile.

Per ulteriori dettagli accedere alla pagina pubblica del portale NoiPA nell'area Persone e scegliere la sezione Self-service/Presenze Assenze.

Il sistema è impostato per smaltire automaticamente prima le ferie non godute maturate nell'anno precedente e poi quelle in via di maturazione nell'anno corrente.

Quando il sistema restituisce questo messaggio è consigliabile riprovare l'inoltro della domanda verso INPS e, se l'errore persiste, contattare il call center Inps.

Quando il sistema restituisce questo messaggio vuol dire che si sono riscontrati errori nei dati di residenza e/o domicilio.

L'interessato può chiedere la variazione dei dati anagrafici attraverso i servizi on line del portale INPS o contattare il call center Inps.

Quando il sistema restituisce questo messaggio vuol dire che non è stata acquisita nella base dati della Posizione Assicurativa la denuncia mensile (UNIEMENS) effettuata dal sistema NoiPA che dichiara, tra l'altro, l'iscrizione alla gestione creditizia e il relativo imponibile, informazioni necessarie per classificare il soggetto come iscritto vigente alla gestione creditizia.

L'interessato comunque, può effettuare una richiesta di variazione della propria posizione assicurativa attraverso i servizi on line del portale INPS, se provvisto del PIN richiesto dall'istituto previdenziale.

Nell'Area riservata del Portale NoiPA è disponibile il servizio self-service "Piccolo Prestito". Attraverso tale servizio è possibile compilare e inoltrare il modulo di richiesta senza la necessità di doversi recare presso la propria Amministrazione o presso le sedi INPS/ex gestione INPDAP. Entrati nell'area riservata, sezione in alto a destra della home page del portale, per accedere al servizio è necessario fornire le proprie credenziali (codice fiscale e password) o utilizzare la propria Carta Nazionale dei Servizi - smart card, e selezionare dal menu "I miei servizi" - sezione Self service, la voce "Piccolo prestito". Per usufruire dei servizi self service, nel solo caso in cui non si utilizzi la CNS e si acceda quindi nell'area riservata con codice fiscale e password, è necessario essere in possesso di un ulteriore codice identificativo di sicurezza, il PIN. 

Per avere un'informazione più dettagliata su come utilizzare la funzione si può fare riferimento all'help on-line del self-service".

Nell'area riservata del Portale NoiPA, è disponibile il servizio self-service "Piccolo Prestito" al percorso "Home -> Amministrato -> Self service -> Stipendiale -> Piccolo prestito", attraverso il quale è possibile effettuare, opzione "Simulazione Piccolo prestito", una simulazione della richiesta, ottenendo un'ipotesi di rata a partire dall'importo e dalla durata indicati.

Inoltre dal servizio Self Service è possibile:

- effettuare una richiesta partendo dai dati stipendiali (Richiesta Piccolo Prestito)

- esprimere la volontà di rinunciare alla richiesta effettuata (Rinuncia Piccolo Prestito)

- conoscere lo stato di avanzamento relativo alla richiesta effettuata (Visualizzazione Piccolo Prestito).

I self service sono accessibili dall'Area riservata del portale. Nel caso di accesso all'area riservata con codice fiscale e password, per l'utilizzo dei self service è necessario essere in possesso di un codice identificativo di sicurezza, il PIN, da richiedere al funzionario Responsabile dell'Identificazione del Dipendente (RID) della propria sede di servizio.

In caso di accesso all'area riservata tramite Carta Nazionale dei Servizi (CNS) l'utilizzo dei self service non richiede il possesso del PIN.  

La modalità di riscossione dello stipendio può essere variata utilizzando la funzionalità self-service presente nell'Area riservata del portale NoiPA, accessibile dalla sezione in alto a destra della home page del portale, fornendo le proprie credenziali (codice fiscale e password) o utilizzando la propria Carta Nazionale dei Servizi - smart card.    

Dopo aver fornito le proprie credenziali, il dipendente potrà  accedere al servizio selezionando dal menu "I miei servizi" - sezione Self service, la voce "Modalità di  riscossione". Attraverso una procedura guidata potrà  effettuare una nuova richiesta di variazione delle modalità di riscossione o visualizzare l'elenco delle variazioni già presentate precedentemente tramite il portale, elencate per anno di interesse. Per usufruire dei servizi self service, nel solo caso in cui non si utilizzi la CNS e si acceda quindi nall'area riservata con codice fiscale e password, è necessario essere in possesso di un ulteriore codice identificativo di sicurezza, il PIN. Per avere un'informazione più dettagliata su come utilizzare la funzione si può fare riferimento all'help on-line del self-service.

Per procedere al cambiamento della propria residenza fiscale è necessario utilizzare la funzionalità self-service "Residenza Fiscale", accessibile dall'area privata del portale. Per accedere a tale area selezionare il bottone in altro a destra dell'home page del portale e fornire i propri identificativi di accesso (codice fiscale e password)  o utilizzare la propria la propria Carta Nazionale dei Servizi - smart card. Per usufruire dei servizi self service, nel solo caso in cui non si utilizzi la CNS e si acceda quindi all'area privata con codice fiscale e password,  è necessario essere in possesso di un ulteriore codice identificativo di sicurezza , il PIN. Per avere un'informazione più dettagliata su come utilizzare la funzione si può fare riferimento all'help on-line del self-service.

 

Per procedere alla comunicazione delle detrazioni per familiari a carico è possibile utilizzare la funzione self service "Detrazione familiari a carico", accessibile dall'Area riservata del portale. Per accedere a tale area selezionare il bottone in altro a destra dell'home page del portale e fornire i propri identificativi di accesso (codice fiscale e password) o utilizzare la propria la propria Carta Nazionale dei Servizi - smart card. Per usufruire dei servizi self service, nel solo caso in cui non si utilizzi la CNS e si acceda quindi all'area privata con codice fiscale e password, è necessario essere in possesso di un ulteriore codice identificativo di sicurezza, il PIN (da richiedere al funzionario Responsabile dell'Identificazione del Dipendente - RID, della propria sede di servizio). Per avere un'informazione più dettagliata su come utilizzare la funzione si può fare riferimento all'help on-line del self-service".

Si, è possibile richiedere la riattivazione del contributo al Fondo pensione utilizzando l' apposita funzione self service accessibile dall'Area riservata del portale NoiPA. L'Amministrato, dopo essersi autenticato al portale con le proprie credenziali accede al servizio selezionando, dal menu "Amministrato -> Self Service -> Stipendiale", la voce "Previdenza complementare". Si precisa che per il fondo Sirio la riattivazione può essere richiesta solo dopo cinque anni dalla sospensione.

Si, successivamente alla approvazione dell'adesione da parte del fondo, è possibile richiedere la variazione della quota aggiuntiva utilizzando le apposite funzioni self service accessibili dall'Area riservata del portale NoiPA. L'Amministrato, dopo essersi autenticato al portale con le proprie credenziali accede al servizio selezionando, dal menu "Amministrato -> Self Service -> Stipendiale", la voce "Previdenza complementare".  

Per aderire ai Fondi pensione attualmente gestiti da NoiPA (Fondi di previdenza complementare Espero, Perseo, Sirio), il sistema mette a disposizione degli amministrati una nuova funzione self service per la compilazione e l'invio dell'istanza di adesione al Fondo. Questa nuova modalità di erogazione del servizio sostituisce la precedente e non è più possibile, infatti, presentare i moduli di adesione cartacei presso gli Uffici Responsabili del trattamento economico, come previsto dall'art. 5 comma 6-bis e 6-ter del D.L. del 02 marzo 2012, n. 16, sulle disposizioni urgenti in materia di semplificazioni tributarie, di efficientamento e potenziamento delle procedure di accertamento. La funzione on line è disponibile, una volta entrati nell'Area riservata del portale, selezionando la funzione "Previdenza complementare" dal menu "Amministrato -> Self Service -> Stipendiale" e fornendo il proprio PIN identificativo.

La funzione self-service consente di prendere visione delle condizioni di partecipazione al Fondo e di completare i dati anagrafici e contabili che il sistema prospetta, con le ulteriori informazioni a carico dell'amministrato. Trascorsi i termini previsti è possibile stampare il modulo definitivo. A decorrere dalla prima mensilità utile, il Sistema NoiPA procederà all'applicazione della ritenuta mensile e ai versamenti delle quote al fondo, sia a carico del dipendente, sia del datore di lavoro.

Nodo: lelife3 .3-1