Salta al contenuto della pagina

Come faccio a gestire le riduzioni stipendiali calcolate precedentemente?

Attraverso il menù "Contabilità personale dipendente -> Area calcolo di prova -> Attività di elaborazione ->Gestione Dati riduzione stipendi" è possibile visualizzare e gestire le riduzioni stipendiali calcolate precedentemente. Dopo aver effettuato la ricerca dell'amministrato si accede alla maschera "Gestione dati riduzioni stipendi" laddove sarà possibile visualizzare, cancellare e modificare le riduzioni.


Sono un operatore, come faccio per calcolare le riduzioni stipendiali di un amministrato?

Per calcolare le riduzioni stipendiali di un amministrato nel mese di riferimento in presenza di periodi con retribuzione ridotta (es. aspettativa non retribuita o con retribuzione parziale, assunzione nel mese, cessazione del rapporto di lavoro nel mese) è necessario selezionare gli amministrati cliccando il tasto 'Nuova selezione', e impostando nella maschera standard di selezione, l'ordinamento, gli eventuali filtri desiderati o selezionando una o più matricole. Con il tasto 'Conferma Selezione' si conferma la selezione, successivamente con il tasto 'Elabora' si provvede alla elaborazione. Questi passaggi possono essere svolti attraverso il menù "Contabilità personale dipendente -> Area calcolo di prova -> Attività di elaborazione -> Genera Dati riduzione stipendi".


Sono un operatore del comparto Sanità. Quali sono le elaborazioni da effettuare al fine di produrre le competenze stipendiali mensili?

Di seguito vengono elencate tutte le elaborazioni necessarie al calcolo del cedolino mensile, alla produzione dei report per le verifiche dell'elaborazione (es. verifiche e riepiloghi economici, stampa netti cedolini) ed infine alla produzione di tutti i flussi di output del processo (es. flusso per la contabilità generale ed analitica, stampa dei cedolini, etc.).

Per la gestione dell'evento l'utente ha a disposizione il menù "Contabilità personale dipendente -> Area calcolo di prova" in cui poter effettuare le attività seguenti:

  • Definizione dati per calcolo stipendi;
  • Generazione dati riduzione stipendi;
  • Calcolo stipendi;
  • Riepilogo ed export mensili;
  • Stampa Allegato cedolini;
  • Riepilogo ed export mensile per integrazione contabile;
  • Stampa Cedolino PDF;
  • Conferma Dati.

Sono un operatore del comparto Sanità. Come posso calcolare lo stipendio di un amministrato?

Al fine di elaborare il cedolino mensile occorre, a seguito dell'accesso alla maschera "Calcolo stipendi" dal percorso "Contabilità personale dipendente -> Area calcolo di prova -> Attività di elaborazione -> Calcolo stipendi", inserire i seguenti criteri di selezione, utili alla scelta degli amministrati per i quali si vuole procedere al calcolo delle voci di cedolino.

Le selezioni da utilizzare per la funzione sono le seguenti:

  • Codice (matricola)
  • Ruolo
  • Livello
  • Qualifica
  • Tipo Dipendente
  • Tipo Rapporto
  • Sede di Servizio
  • Stati attività

Infine, selezionare il pulsante "Elabora" per effettuare l'elaborazione.

Sulla maschera sono invece già presenti le informazioni (campi non editabili) relative al mese, oggetto di elaborazione e al tipo di cedolino da produrre. Tali informazioni vengono infatti acquisite di default dalle impostazioni inserite e memorizzate nella maschera di "Definizione dati per calcolo stipendi".

Quali sono i redditi da considerare ai fini del diritto all'assegno al nucleo familiare?

Per il calcolo del reddito del nucleo familiare si deve considerare l'ammontare complessivo dei
singoli redditi di tutti i membri del nucleo, quali:
 
  • Redditi da lavoro dipendente e assimilati assoggettati ad Irpef;
  • Redditi a tassazione separata (emolumenti arretrati);
  • Redditi da fabbricati (al lordo di eventuale deduzione per abitazione principale);
  • Redditi di lavoro autonomo, di impresa, di partecipazione e di capitale;
  • Altri redditi assoggettati a ritenuta d'imposta alla fonte (ad es. le prestazioni occasionali), o ad imposta sostitutiva (ad es. interessi su depositi o titoli) solo se superiori a euro 1.032,91.
 
Non sono considerati redditi:
 
  • L'assegno al nucleo familiare;
  • Le indennità di buonuscita ed altri trattamenti di fine rapporto;
  • Le somme aventi natura risarcitoria come le rendite infortunistiche erogate da INAIL;
  • Le pensioni di guerra e le indennità di accompagnamento.
 
L'assegno non spetta se la somma dei redditi da lavoro dipendente e assimilati è inferiore al 70% del reddito complessivo del nucleo familiare: questo significa che il reddito complessivo del nucleo familiare deve derivare, per almeno il 70%, dai redditi di lavoro dipendente.
 

Quali sono i familiari per i quali è possibile richiedere l'assegno al nucleo familiare?

Ai fini del diritto all'assegno, il nucleo familiare può essere composto da:

  • Richiedente titolare dell'assegno;
  • Coniuge del richiedente con esclusione di quello legalmente ed effettivamente separato;
  • Figli di età inferiore ai 18 anni, o senza limiti di età qualora si trovino a causa di infermità fisica o mentale nell'assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi a proficuo lavoro;
  • Nipoti minori in linea retta a carico del dichiarante;
  • Fratelli, sorelle e nipoti collaterali minori del richiedente, orfani di entrambi i genitori, oppure senza limiti di età se permanentemente inabili al lavoro.

 

La Finanziaria per il 2007 (Legge 27 dicembre 2006 n.296) ha introdotto novità anche in merito alla composizione del nucleo familiare, con decorrenza dal 01 gennaio 2007.
L'art.1, comma 11, lett. d, ha stabilito che nel caso di nuclei familiari con più di tre figli o equiparati, di età inferiore a 26 anni compiuti, ai fini della determinazione dell'assegno è consentita l'inclusione dei figli di età superiore a 18 anni e inferiore a 21 anni purché studenti o apprendisti.


Come e a chi deve essere presentata la richiesta di Assegno al Nucleo Familiare (ANF)?

Il dipendente, dopo aver verificato, in base alla composizione del nucleo familiare e al reddito complessivo, il diritto a percepire l'assegno al nucleo familiare, può presentare la richiesta dell'ANF con decorrenza al 1° luglio di ogni anno, utilizzando il modello "Richiesta assegno al nucleo familiare (Dipendente)", disponibile sul portale NoiPA al percorso "Home pubblica -> Documentazione -> Modulistica -> Persone".

La domanda per la richiesta dell'ANF può essere presentata:

  • Alla Ragioneria Territoriale dello Stato (RTS): per il personale appartenente agli uffici  periferici dello Stato. La richiesta può essere inoltrata a mano o per mezzo di posta elettronica; in alternativa è possibile inviare la domanda tramite il proprio ufficio di servizio che lo inoltrerà successivamente alla stessa RTS.
  • Ufficio della propria Amministrazione o Ente che gestisce il trattamento economico del dipendente: per il personale dell'Amministrazione Centrale dello Stato o dei vari Enti.
  • Scuola titolare del contratto di lavoro: per i supplenti brevi e saltuari. Se l'amministrato ha contratti su più scuole, il modello di richiesta va consegnato a ciascun istituto con il quale si ha un contratto.
Anche nel caso in cui non ci siano variazioni di reddito e/o di nucleo familiare, è comunque necessario effettuare una nuova comunicazione per la rideterminazione degli ANF.

Gli utenti possono accedere a tutti i servizi offerti all'interno del portale NoiPA?

No, gli utenti, mediante autenticazione, accedono alla tipologia di servizi per i quali sono abilitati.


Come si accede all'applicativo "Gestione stipendi"?

Per accedere all'applicativo "Gestione Stipendi" è necessario accedere all'area riservata del portale NoiPA, tramite il pulsante "ENTRA" presente in alto a destra dell' HOME PAGE pubblica del portale, fornendo le proprie credenziali di accesso (codice fiscale e password) oppure utilizzando la CNS (smart card). Gli utenti delle amministrazioni che hanno aderito all'autenticazione per identità federata accedono al sistema NoiPA tramite i propri portali attraverso identità federata.

Entrati nell'area riservata, sarà possibile accedere, attraverso il menu presente sulla sinistra dell'homepage, all'applicazione "Gestione Stipendi" seguendo il percorso "Operatore -> Strumenti di lavoro -> Gestione -> Gestione Stipendi". Nel caso in cui si intenda accedere alle funzionalità di aggiornamento/convalida, l'accesso è consentito soltanto utilizzando la smart card e fornendo il relativo PIN . Ad esempio dopo aver selezionato la funzione "Aggiornamento partite", il sistema chiede infatti di inserire il PIN della Smart Card per effettuare le operazioni di modifica dei dati presenti all'interno della banca dati.

L'inserimento del PIN viene chiesto una sola volta. Il sistema chiede di inserire di nuovo il PIN solo se si è effettuato il logout, tramite il tasto 'Esci'. 


Come fare per disabilitare l'utenza di un operatore alla gestione delle competenze accessorie (Gestione accessorie) ed alla convalida dei pagamenti?

Per richiedere modifiche, tra le quali la disabilitazione di una specifica utenza, è necessario rivolgersi al Responsabile del Modello Operativo (RMO) dell'amministrazione di appartenenza che, attraverso le funzioni disponibili sull'applicativo "Gestione Accessorie", procederà alla modifica dell'utenza segnalata.


Gli utenti possono accedere a tutti i servizi offerti all'interno del portale NoiPA?

No, gli utenti, mediante autenticazione, accedono alla tipologia di servizi per i quali sono abilitati.


Quando avviene il pagamento delle competenze accessorie e quali sono le scadenze per la comunicazione delle stesse?

Il pagamento dei compensi accessori viene effettuato nel rispetto del calendario delle lavorazioni mensili pubblicate sul Portale NoiPA.

La comunicazione delle competenze accessorie può essere effettuata in qualsiasi momento; affinché gli importi siano liquidati in una determinata mensilità, il processo di comunicazione, approvazione ed eventuale autorizzazione del pagamento da parte dell'organo di controllo, deve concludersi entro la data stabilita per la chiusura della mensilità, indicata nel calendario degli eventi presente nell'Area privata del portale NoiPA.


Attraverso l'applicativo "Gestione accessorie" è possibile pagare le competenze accessorie per il personale comandato?

Attraverso "Gestione accessorie" è possibile comunicare le competenze accessorie anche per il personale che presta servizio presso la propria Amministrazione ma appartenente ad altra Amministrazione, o al personale che presta servizio presso la propria Amministrazione ma proveniente da Enti non gestiti da NoiPA. In quest'ultimo caso sarà necessario inserire in NoiPA i dati anagrafici, fiscali e previdenziali dell'interessato utilizzando la "Gestione Anagrafica", attivando i pagamenti per le sole competenze accessorie o in alternativa la funzione "Rubrica amministrati".


Come si fa a comunicare i compensi accessori del personale che non appartiene alla scuola di servizio?

E' possibile liquidare compensi accessori sia al personale gestito in NoiPA (anche se appartenente ad altra istituzione scolastica) aggiungendolo all'elenco mediante il tasto 'Aggiungi beneficiario all'elenco', sia al personale non gestito in NoiPA inserendolo prima nella "Rubrica amministrati".


Come effettuare la variazione delle modalità di pagamento di un amministrato?

Per effettuare la variazione delle modalità di pagamento è possibile utilizzare l'applicativo "Gestione stipendi", tramite la funzione "Modalità di Pagamento" raggiungibile dal percorso "Aggiornamento partite -> Competenze Fisse  -> Stipendi -> Variazioni -> Varie -> Modalità di Pagamento", o l'applicativo "Gestione accessorie", tramite la funzione "Rubrica amministrati".


E' possibile esportare i dati dall'applicativo "Gestione accessorie"?

Si, l'applicativo "Gestione accessorie" permette l'esportazione, in formato excel, dei dati registrati attraverso il pulsante "esporta" presente nell'ambito di ogni elenco.


È possibile liquidare le competenze accessorie per il personale cessato attraverso l'applicativo "Gestione accessorie"?

L'applicativo "Gestione accessorie" consente la liquidazione anche dei compensi accessori per il personale cessato. Basterà inserire i nominativi nell'elenco in lavorazione con il pulsante "Aggiungi beneficiario". Si precisa inoltre che per i cessati dal servizio, in presenza di tutte le informazioni necessarie per effettuare l'ordinazione, NoiPA provvederà ad emettere un cedolino di sole competenze accessorie.


Quali sono le modalità di comunicazione delle competenze accessorie?

L'Amministrazione può scegliere diverse modalità di comunicazione delle competenze accessorie dei propri amministrati al sistema NoiPA:
 
  • Gestione ad Elenchi: l'Amministrazione inserisce online l'elenco dei beneficiari e le relative competenze accessorie, esegue la procedura di calcolo della spesa, richiede la convalida dell'elenco al proprio Responsabile, che lo autorizza. 
  • Gestione da file Locale: l'Amministrazione predispone fuori sistema un file in formato xml o excel e lo trasmette a NoiPA. E' una modalità alternativa alla Gestione ad elenchi. Per i tracciati e le istruzioni si rimanda alle pagine di dettaglio presenti sul portale, raggiungibili dal seguente percorso: "Home -> Amministrazioni -> Gestione accessoria e variabile"
  • Gestione da file Centrale (competenze accessorie precaricate da sistemi): consente di ricercare e lavorare i flussi di dati provenienti dai sistemi HR - es: Time Management nel caso di soluzione avanzata).  

Quali sono le funzionalità gestite dall'applicativo "Gestione accessorie"?

Attraverso l'applicativo "Gestione accessorie" il sistema permette:
 
  • La comunicazione ed autorizzazione dei compensi accessori da liquidare;
  • La segnalazione dei compensi accessori liquidati direttamente dall'amministrazione ai soli fini del conguaglio fiscale e contributivo (accessorie fuori sistema);
  • La consultazione e la gestione della rubrica degli amministrati;
  • La gestione dell'esclusione dal modello "Certificazione Unica" di alcune voci di accessori liquidate per il dipendente;
  • La gestione dell'assegnazione ai dipendenti, da parte dei centri di costo;

Gli Uffici Responsabili possono accedere a file dati relativi al personale amministrato?

Si. Da un'apposita area FTP, raggiungibile cliccando il pulsante Login presente sul portale NoiPA al percorso "Home -> Amministrazioni -> Amministrazioni centrali ed Enti locali -> Strumenti per operatori -> Cartelle Ftp", le Amministrazioni servite da NoiPA possono accedere alle specifiche cartelle dove sono depositati file dati relativi al personale amministrato.

L'accesso alle cartelle FTP può essere effettuato anche inserendo nel campo di ricerca del menu di Avvio di Windows il seguente indirizzo:

ftp://codiceutenza:password@ftp-spt.tesoro.it/codiceutenza

sostituendo, nell'indirizzo, "codiceutenza" con l'effettiva utenza assegnata (CFXXXXXXXXXXX) e successivamente inserendo la password quando verrà richiesta.


Nodo: c1f-npa-lasp00 .lr3